culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Salute e Stili di Vita

THE ART OF THE SCENT: VEDERE IL PROFUMO

Si è svolto a Pontedera il 19 maggio 2012  un evento unico nel suo genere, “The art of the Scent: Vedere il profumo”. Teatro dell’evento il Museo Piaggio, qui ha avuto luogo un intreccio tra arte figurativa ed arte olfattiva. Infatti è grazie a Celso Fadelli, noto autore e editore di profumi, patrono dell’evento, che alcuni giovani artisti hanno avuto la possibilità di esprimere il proprio atto creativo non solo attraverso l’arte figurativa ma anche attraverso creazioni olfattive. Tre i momenti salienti della serata durante i quale i giovani artisti hanno interagito con il pubblico, ognuno secondo il proprio stile. L’installazione di Christine Gustavsson e Niclas Lydden ha visto protagoniste sei sculture realizzate dalla pluripremiata designer del vetro Asa Jungnelius di Kosta Boda, la più antica fabbrica di vetro della Svezia. Ad ogni scultura è stata abbinata una fragranza della collezione Agonist, fragranze interamente composte da materie prime naturali. Altra installazione quella di Andrea Maack, artista visiva e creatrice di fragranze, che si è esibita in una performance live per presentare la sua nuova creazione, Coal (carbone), ispirata da uno dei suoi disegni a carboncino. Un percorso decisamente diverso invece quello scelto da Blood Concept, le cui fragranze interpretano l’evoluzione umana traducendo le mutazioni del sangue in quattro profumi-archetipo, quattro identità olfattive, quattro modi di essere. 0 è l’identità animale, A l’identità verde, B l’identità nomade, AB l’identità artificiale. Antonio Zuddas e Giovanni Castelli, creatori di Blood Concept, hanno esplorato le quattro identità attraverso l’interazione con il pubblico nell’intento di individuare quale fosse l’identità predominante, l’identità alfa. Ogni fragranza-identità è stata associata ad un colore ed attraverso l’uso corpo umano è stata data voce alla preferenza del pubblico. Le quattro fragranze sono state associate a quattro interruttori e a quattro colori, ogni qualvolta un interruttore è stato attivato, due modelli, un ragazzo ed una ragazza, si sono cosparsi vicendevolmente di colore, fino a diventare alla fine della performance la testimonianza visiva della fragranza-identità predominante.

Video performance http://youtu.be/NKPFHkbBOzk

Un’esperienza polisensoriale, quella di “The art of the Scent: Vedere il profumo”, davvero unica che ci auguriamo venga riproposta quanto prima.

Doralda Petrillo

 

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Doralda Petrillo

Salve, sono Doralda Petrillo, aspirante pubblicista, laureata in Farmacia e Master in Scienze Cosmetiche. Con questo spazio spero di poter condividere con voi la mia passione e le mie competenze per cosmetici e profumi. Il mio motto? Ognuno di noi è unico, speciale, il segreto sta nel darsi valore.

Lascia un commento

shares