Salute e Stili di Vita

Idea regalo: il calendario 2016 di Greenpeace

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

Lo scorrere del tempo condiziona la nostra vita e, con l’arrivo di dicembre, cominciano i bilanci, che possono essere positivi o negativi, in base agli eventi che hanno condizionato l’anno che sta per terminare. Dicembre è anche tempo di regali, di nuove agende. Un calendario e le sue spettacolari immagini potrebbe essere un’ottima idea regalo. Greenpeace – Calendario 2016 non è solo un semplice oggetto cartaceo, è molto di più. L’associazione ambientalista, che festeggia proprio nel 2016 i suoi quarantacinque anni di attività, di cui trenta in Italia, anche quest’anno ha dato alle stampe il calendario che si presenta ricco di fotografie bellissime, le quali ci immergono nella flora e nella fauna di un pianeta dalle mille sfumature che ha molto da insegnarci.

Madre Natura non sbaglia mai e sa sempre stupirci. Greenpeace – Calendario 2016 è stato prodotto con il 100 per cento di carta riciclata e inchiostri vegetali secondo la logica dell’associazione. «Mentre sfogli queste pagine ricordati che sono il tuo impegno e sostegno che ci permettono di portare avanti le nostre campagne in favore dell’Artico, di difendere le foreste, di salvare i nostri mari dall’inquinamento e dalla pesca distruttiva», si legge nella pagina di apertura, dove sono stati pubblicati anche i credit dei fotografi che hanno scattato le immagini superlative. Greenpeace è impegnata in diverse attività con alcune imbarcazioni, quali Arctic Sunrise, Rainbow Warrior ed Esperanza, la nave impiegata per la tutela delle balene, dei delfini, delle tartarughe marine e di altre forme di vita marina.

Il Calendario 2016 di Greenpeace si apre con l’orso polare e i suoi cuccioli, per poi proseguire da febbraio a maggio con il fiume Rio delle Amazzoni, con gli elefanti africani, con il cucciolo di orango e con i meravigliosi fenicotteri del lato Natron. Il mese di giugno è dedicato alla tigre di Sumatra nel Tamon Park, mentre luglio al popolo dei Masai con la suggestiva immagine di un padre e un figlio della Tanzania. Ad agosto si va in Sicilia con un banco di castagnole rosa immortalate su una parete di madrepora arancione. Splendidi pinguini reali della baia di Sant’Andrea aprono il mese di settembre, seguiti a ottobre dall’imponente foresta del Grande Orso in Canada e a novembre dalla megattera dell’Oceano Atlantico. L’anno si chiude con la volpe artica impegnata nella caccia. In ogni pagina sono inoltre riportate le principali missioni realizzate da Greenpeace nei quarantacinque anni di attività. I soldi della vendita del calendario andranno ovviamente all’associazione che li impiegherà nelle sue numerose campagne e soprattutto per la salvaguardia degli animali in via d’estinzione. Potrebbe dunque essere un’ottima idea di regalo. Per saperne di più ed effettuare l’acquisto consultate questo sito: http://shop.greenpeace.it/prodotto/calendario-2016/. 

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008.
Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana.
Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio.
Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali.
Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'.
Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv).
Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia.
Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare.
Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Lascia un commento