Non solo film

Sting in concerto a Roma con il “Back to Bass” tour

Life Festival (c) Andrzej Strzelczyk Dal sito ufficiale: http://www.sting.com/
Life Festival © Andrzej Strzelczyk
Dal sito ufficiale: http://www.sting.com/

Tutto pronto per il concerto che Sting terrà questa serà al Centrale Live del Foro Italico di Roma per la seconda delle tre tappe italiane del tour mondiale “Back to Bass”.

Sting, al secolo Gordon Matthew Thomas Sumner, nel corso degli anni si è cimentato con i più disparati generi musicali passando dal rock alla musica classica, dalle sonorità world ai canti popolari e alla tradizione folk. Un disco di musica antica (Songs from the labyrinth), la reunion con i Police, il Symphonicity Tour a ricantare i successi con la grande orchestra, il ritorno nella nativa Newcastle per un disco di Natale (If on a winter’s night…), un concerto memorabile per i sessant’anni al Beacon Theatre di New York (con Bruce Springsteen, Stevie Wonder, will.i.am, Mary J. Blige, Lady GaGa, Billy Joel), infine il ritorno alle origini con il tour Back to Bass che sta girando il mondo da due anni.

Un appuntamento atteso, quello di stasera, in cui Sting festeggerà  i suoi 25 anni di carriera solista salendo sul palco per riproporre i suoi maggiori successi. Con lui altri 5 talentuosi elementi: il suo storico chitarrista Dominic Miller, Vinnie Colaiuta alla batteria, David Sancious alle tastiere, Peter Tickell al violino elettrico e infine il vocalist Jo Lawry. Ventidue le canzoni in programma, tra cui Englishman in New York, Demolition man, Wrapped around your finger, Shape of my heart, Every breath you take, Next to you Walkingon the moon Roxanne con inediti arrangiamenti che sapranno coinvolgere ancora una volta il variegato pubblico dell’artista. Due ore di concerto per compiere un vero e proprio viaggio tra i diversi periodi artistici del musicista e le sue evoluzioni attingendo da ognuna di esse.

Intanto Sting, che ad ottobre compirà 62 anni, è già tutto proiettato verso una nuova avventura: disco e spettacolo teatrale. Uno legato all’altro. Titolo: The last ship. Le canzoni sono già tutte pronte e incise, il cd uscirà a fine settembre. Per l’evento teatrale invece c’è da attendere, la prima sarà a Broadway a metà del prossimo anno.  “In The last ship ci sono la mia città natale, l’infanzia, l’adolescenza, lo sforzo di cercarsi un posto nella società, imparare a comportarsi, relazionarsi con gli altri… tutte cose che ancora non ho finito di apprendere”, racconta. “Newcastle ha un potere straordinario e occulto su di me. I miei sogni ricorrenti sono immancabilmente ambientati lì, nella vecchia casa, lungo il fiume, tra i cantieri navali. Tutto quello che ho volutamente messo nel dimenticatoio riaffiora nell’inconscio, riapre ferite. E qualche volta suggerisce canzoni” ha dichiarato l’artista.

Il tappeto sonoro su cui volteggiano le note e l’ispirazione di Sting deve quindi ancora essere del tutto srotolato.

Raffaella Sbrescia

Commenti

commenti

Raffaella Sbrescia

Raffaella Sbrescia è una giornalista iscritta all'ordine dei Giornalisti della Campania dal 2010 e blogger per il blog musicale "Ritratti di note". Dopo la laurea triennale in Lingue, culture e letterature dell'Europa e delle Americhe ha conseguito la laurea magistrale in Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea presso l'Università degli Studi di Napoli l'Orientale con il massimo dei voti. Da sempre interessata al mondo della musica, dell'antropologia, dei viaggi e della letteratura, per Cultura & Culture è responsabile della sezione eventi e spettacoli.

Lascia un commento

shares