culturaeculture.it il blog dei lettori. SOSTIENICI. ISCRIVITI QUI

Non solo film

Smetto quando voglio – Masterclass: recensione e trailer

Smetto quando voglio – Masterclass: recensione – Ciò che mi ha colpito del nuovo film di Sydney Sibilia è lo stile. Il regista salernitano è molto innovativo sia per contento sia per scelte stilistiche e si è posto sulla scena cinematografica nazionale come una voce nuova e alternativa, che strizza un pochino l’occhio alla settima arte d’oltreoceano, per alcune peculiarità, però in un modo molto soggettivo. La serie Smetto quando voglio si caratterizza per i colori decisi e fumettistici ma anche per le scene d’azione – molto ritmiche – e non solo. Se poi a questo aggiungiamo, la capacità di osservare la società italiana, sapendone raccontare magistralmente tutte le contraddizioni, il gioco è fatto. Sibilia trasforma quindi il malessere collettivo di una generazione di ricercatori non più giovani, ma pur sempre precari, in una possibilità di risalva che però arriva dal mondo della criminalità, perché in Italia con la cultura e con l’istruzione, sempre secondo il regista, non si mangia!

In Smetto quando voglio – Masterclass subentra una donna che ha un ruolo di primo piano nello svilupparsi degli eventi. Si tratta dell’ispettore, Paola Coletti – interpretata magistralmente da Greta Scarano, empatica con le sue camicie a quadri dalle quali si intravedono le magliette colorate – che riunisce la banda di Pietro Zinni (Edoardo Leo) per un fine più nobile: acciuffare i produttori di smart drugs. I ricercatori – che hanno ormai la fedina penale sporca (ricordiamo che nel primo film avevano creato una droga legale diventando poi dei criminali) – vogliano tornare alla vecchia vita e per questo collaborano con la polizia. Il fautore è come sempre Pietro Zinni, che è in custodia cautelare, mentre la propria compagna (Valeria Solino) è in attesa di un bambino.

Edoardo Leo dà dunque il volto a un personaggio sui generis, che dietro una coltre d’ingenuità e la faccia da eterno fanciullino nasconde una natura molto scaltra. I guai per Zinni sono dietro l’angolo e le cose non vanno come dovrebbero. Un cast di validi attori (da Valerio Aprea e Paolo Calabresi passando per Stefano Fresi, Libero De Rienzo, Lorenzo Lavia, Marco Bonini, per arrivare a Pietro Sermonti, Gianpaolo Morelli, Rosario Lisma e Luigi Lo Cascio) rende Smetto quando voglio – Masterclass una commedia brillante (in tutti i sensi, anche per le sfumature), con una prima parte di rodaggio, perché è nel secondo tempo che il ritmo accelera e la storia diviene incalzante. A volte i sequel deludono. Non è il caso di questo film. Di seguito il trailer di Smetto quando voglio – Masterclass.

culturaeculture.it il blog dei lettori. SOSTIENICI. ISCRIVITI QUI

smetto-quando-voglio-2-masterclass-recensione-trailer

Commenti

commenti

culturaeculture.it il blog dei lettori. SOSTIENICI. ISCRIVITI QUI

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione.

Lascia un commento

shares