culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Non solo film

OLIMPIADI LONDRA 2012: UN VERO SHOW LA CERIMONIA D’APERTURA

I cerchi olimpici illuminano il cielo londinese

Era stato annunciato un grande spettacolo e così è stato. La cerimonia di apertura dei Giochi Olimpici di Londra non ha deluso le attese di quanti si aspettavano uno show sontuoso e ricco di coreografie. Il mondo racchiuso nello stadio olimpico di Stratford, dove hanno sfilato le delegazioni di 205 Nazioni, con in testa la loro bandiera. Tanti sono i Paesi in gara alla 30esima Olimpiade, aperta ufficialmente dalla Regina Elisabetta quando a Londra era ormai scoccata la mezzanotte. Poi l’inno nazionale britannico, cantato dai bambini, e in chiusura il baronetto Paul McCartney che ha intonato Hey Jude.

La cerimonia è stata affidata alla regia di Danny Boyle, che ha diretto film come Trainspotting e The Millionaire. Il regista ha messo in scena la contraddizione degli ultimi secoli di storia inglese, fatti di modernità e tradizione, spaziando da Shakespeare a Harry Potter e facendo lanciare, almeno nella finzione, Daniel Craig (James Bond) e la Regina da un elicottero. Scene bucoliche con pecore e galline si sono alternate alle ciminiere della prima rivoluzione industriale fino ad arrivare alla modernità con i social network e la crisi economica.

© Patrylamantia - Fotolia.com

Dopo lo show, è arrivato il momento dei veri protagonisti delle Olimpiadi, gli atleti. Le 205 nazioni in gara hanno sfilato in ordine alfabetico, capitanate dalla Grecia a cui spetta l’onore di aprire la parata. L’Italia ha sfilato tra Israele (col lutto sulle divise) e la Giamaica di Usain Bolt. Una Valentina Vezzali visibilmente emozionata ha guidato la delegazione azzurra, una delle più numerose e allegre della cerimonia. I 176 italiani hanno sfilato con la divisa griffata Armani: 142 atleti compresa la portabandiera Valentina Vezzali e 34 officials compreso il capo missione Raffaele Pagnozzi.

Sugli spalti dello stadio olimpico erano presenti 60 mila spettatori e molti rappresentanti istituzionali, tra cui l’italiano Giorgio Napolitano, Michelle Obama in rappresentanza del marito Barak, il premier russo Dmitri Medvedev, più qualche testa coronata tra cui Alberto di Monaco e il re dello Swaziland. Successo che ha superato ogni aspettativa per l’audience globale: un miliardo di telespettatori in tutto il mondo hanno seguito la cerimonia in diretta da Londra.

Piera Vincenti

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Piera Vincenti è giornalista e copywriter. Si occupa di comunicazione aziendale e pubblica e collabora alla realizzazione di siti web. Laureata in Sociologia, ha conseguito la laurea specialistica nel 2010 dopo aver ottenuto la laurea triennale in Scienze della Comunicazione.

Lascia un commento

shares