Non solo film

La verità di Grace: recensione e trama del film di Netflix

Tra le new entry di Netflix, relative al mese di gennaio 2020, c’èLa verità di Grace’. Il film è diretto da Tyler Perry, l’ideatore della matriarca afroamericana Mabel “Madea” Simmons.

L’attore, regista e sceneggiatore statunitense questa volta si è dedicato al thriller, uscendo dalla commedia, sia televisiva e sia cinematografica, che lo aveva consacrato come regista.

La verità di Grace

La verità di Grace: recensione (podcast in calce)

‘La verità di Grace’ è un film che non mi ha convinta: nessuna emozione forte e poco pathos. La storia, per come stata sviluppata, è contorta, insipida e fin troppo banale. Profuma di gia visto e già sentito!

Eppure, nonostante questi elementi, Tyler Perry riesce a tenere incollato lo spettatore proprio per quella oscura verità che ci viene svelata solo negli ultimi quindici minuti del film.

Al centro della trama c’è l’avvocatessa Jasmine Bryant (Bresha Webb), che ha seguito solo casi d’ufficio di piccoli criminali, i quali venivano spinti a confessare.

Questa volta, però, Jasmine assiste una persona ben diversa che le appare subito onesta e non solo per le sue lodevoli note biografiche: è una brava madre, va in chiesa, fa beneficienza.

A detta dei media e del pubblico ministero, tuttavia, Grace (Crystal Fox) è un’omicida che ha assassinato a sangue freddo il suo giovane marito. Senza uno straccio di prova e molti lati oscuri, la donna deve patteggiare per non rischiare la pena di morte.

Allora Jasmine, per saperne di più sul caso, si rivolge a Sarah Miller (Phylicia Rashād), una cara amica di Grace. Più vite così si intersecano e niente sarà come prima per tutti.

Infatti, l’avvocatessa, che non era mai arrivata ad un processo, si sentiva svuotata, priva di motivazioni forti; di conseguenza voleva mollare il lavoro. Ma la storia di Grace le ridona audacia, coraggio e fiducia nelle proprie potenzialità. (Marica Movie and Books)

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione.

Lascia un commento

shares