culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Non solo film

La Dea Fortuna: trama e recensione del film di Ozpetek

Quando ho letto la trama de La Dea Fortuna, mi sono detta: «Oh! Ecco, un altro film sull’omosessualità; questa volta ci mettono pure in mezzo due bambini e il cliché è compiuto!». Ma poi accanto al titolo del lungometraggio c’era un nome ed un cognome: Ferzan Ozpetek.  Non che sia una fan accanita del regista italo-turco, alcuni suoi film non mi sono piaciuti, ma nel complesso i lavori di Ozpetek mi hanno sempre dato la sensazione che fosse molto bello andare al Cinema. Di conseguenza sono entrata in sala con questa consapevolezza ma senza farmi condizionare. Ed ecco a voi la recensione de La Dea Fortuna e la trama.

La Dea Fortuna trama recensione

La Dea Fortuna: trama e recensione del film di Ozpetek

La Dea Fortuna non rientra tra quei film del regista a cui ho dato a malincuore la sufficienza, è al contrario tra quelle opere che, per un motivo o per un altro, ti plasmano con le ambientazioni ben curate, con i personaggi mai banali eppure così vicini a noi nelle rispettive fragilità, con le storie che trascendono l’umana indifferenza… come quelle narrate in Saturno Contro, in Mine Vaganti, ne La finestra di fronte e in Allacciate le cinture.

Nel suo ultimo film Ozpetek descrive comunque l’amore, non l’omosessualità. Un amore non carnale, né travolgente come era quello de I segreti di Brokeback Mountain. L’amore tra Alessandro (Edoardo Leo) e Arturo (Stefano Accorsi), invece, è sul viale del tramonto, è un sentimento che cerca una nuova possibilità, è un legame che vede nella speranza la sua salvezza e la sua redenzione. Questo rapporto sopravvive in un abbraccio mai dato, in uno sguardo nascosto, in una carezza lontana, nel ricordo di com’era e nel rimpianto di come sarebbe potuto essere se l’abitudine non avesse preso il sopravvento perché il sentimento caro a Cupido si nutre di novità e si evolve col tempo. Almeno questo è ciò che mi è arrivato guardando La Dea Fortuna.

La Dea Fortuna trama recensione

La Dea Fortuna e il mare…

La macchina da presa con una lunga carrellata ci porta subito nei labirinti di un’abitazione nobiliare ed austera, senza definire il contesto, per poi condurci tra le pareti di un appartamento romano dove si sta compiendo l’agonia di un rapporto ormai stagnante mentre una nuova coppia gay convola a nozze. Eppure qualcosa di inaspettato sta per accadere ad Alessandro ed Arturo: all’improvviso appare Annamaria (Jasmine Trinca), con i suoi bambini. E, senza allacciarsi le cinture, i protagonisti salgono sulla giostra della vita per riscoprire forse la voglia di amare ma anche il desiderio di mettersi in gioco.

Ozpetek affida così al mare una delle scene più belle di tutto il film. Acque purificatrici, acque materne, acque all’apparenza chete, acque che salvano creando i presupposti per un nuovo inizio. E poi la musica e… la voce. Quella di Mina. E… poi il rosso di Istanbul che non manca mai nei film di questo regista. Ogni cosa, anche il tema dell’omosessualità, viene affrontata ne La Dea Fortuna con estrema delicatezza. E la madre è qui sia strega che figura amorevole per quell’alternanza di opposti che spesso rende contraddittorio e del tutto inspiegabile l’amore, in ogni sua sfaccettatura. Da non perdere. (Marica Movie and Books)

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares