Non solo film

Cinecittà, la storia della Fabbrica dei sogni

SEGUICI SU FACEBOOK. OGNI MERCOLEDI UNA DIRETTA

cinecittà “Cinecittà” è un sogno diventato realtà. E` una leggenda italiana nel mondo. E` il meglio di quello che l’Italia ha saputo produrre grazie al talento di cineasti italiani (e non) che negli studios hanno girato i loro film, come racconta lo stesso Christian De Sica nel fortunato musical teatrale “Cinecittà”, nel quale parla anche del padre, Vittorio, maestro del Neorealismo, quel movimento che interessò più ambiti e che raccontava con la forza della macchina da presa la realtà ostica del secondo dopoguerra. Vittorio lo fece con “Sciuscià” e vinse l’Oscar. Lo rifece con “Ladri di biciclette” e si aggiudicò di nuovo, a distanza di due anni, la prestigiosa statuetta, conquistata poi nel 1965 con “Ieri, oggi, domani” e nel 1972 con “Il giardino dei Finzi – Contini”. Ma Vittorio De Sica amava fare le sue riprese all’aperto, lontano dagli Studios. Cinecittà a quel tempo era il centro nevralgico della cinematografia mondiale e aggregava a Roma registi e attori provenienti da tutto il mondo. Inaugurata il 28 aprile 1937, la Fabbrica dei Sogni compie oggi 77 anni e, nonostante stia attraversando un periodo non proprio roseo, il suo mito resta intatto tanto che Google gli ha dedicato un doodle, senza il quale forse questa data sarebbe passata inosservata.

Liz Taylor in Cleopatra
Liz Taylor in Cleopatra

Mussolini fece costruire gli Studios proprio perché vedeva nel cinematografo uno strumento di propaganda, poi in pieno conflitto mondiale varò la legge Alfieri (il 6 giugno 1938), con la quale bloccò le frontiere della distribuzione cinematografica estera. Con il Fascismo nacque anche il doppiaggio così come lo conosciamo oggi. Ma fu tra gli anni Cinquanta e Sessanta che Cinecittà diventò “La fabbrica dei sogni”. Con  tremila film girati (Bellissima di Luchino Visconti, Cleopatra con Liz Taylor, La dolce vita di Federico Fellini e tanti altri) ha dato lavoro e opportunità a migliaia di persone che qui potevano esprimere la loro creatività. Oggi è sede di alcune produzioni televisive e di recente Carlo Verdone ha utilizzato lo Studio 15 per la sua commedia “Sotto una buona stella”.

close

Salve, sono Maria Ianniciello. Grazie per aver letto l'articolo. Se ti è piaciuto il sito e il pezzo, iscriviti alla mia newsletter settimanale. Riceverai ogni lunedi una mail con gli articoli e i nuovi episodi del podcast, contenuti inediti, buoni sconto su libri e tanto altro!

Commenti

commenti

Salve, mi chiamo Maria Ianniciello. Cultura & Culture è un blog indipendente. Redigere articoli ed editare podcast di qualità richiede tempo e concentrazione. DONA ORA affinché io possa creare contenuti migliori. Grazie mille!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione.

Lascia un commento

shares