culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Non solo film

Adriano Olivetti, lo Steve Jobs italiano che sfidò gli americani

Un'immagine della fiction
Un’immagine della fiction

Il palinsesto Rai del 28 e 29 ottobre 2013 si è arricchito con la miniserie “Adriano Olivetti. La forza di un sogno”, che narra una storia verificatasi in Italia tra la prima e la seconda metà del Novecento, a Ivrea, dove nacque nel 1901 una delle menti più brillanti del secolo scorso: Adriano Olivetti, titolare dell’omonima azienda che creò l’embrione del personal computer, anticipando di molti anni l’IBM. L’Olivetti Programma 101 (questo il nome del computer) fu presentato a New York nel 1965 durante una fiera, riuscendo ad attirare l’attenzione degli americani che non avevano mai visto, né immaginato, un prodotto del genere. Adriano era morto prematuramente da cinque anni su un treno diretto in Svizzera, dove si stava recando per chiedere un prestito che lo Stato e le banche italiane non volevano concedergli. L’imprenditore di Ivrea era un uomo colto e capace, un visionario che anticipava i tempi e che credeva nei sogni e li realizzava con l’entusiasmo di un bambino. Per lui, l’Olivetti non doveva essere una fabbrica, ma un modello, uno stile di vita per produrre libertà e bellezza. Nel 1965 la sua azienda era passata nelle mani dei fratelli e del figlio Roberto, ma questo è il seguito di una storia che non è stata descritta nella fiction di Rai1, diretta da Michele Soavi, il nipote di Olivetti, interpretato brillantemente da Luca Zingaretti. Un racconto d’immagini e parole che comincia quando l’industriale muove gli ultimi passi in questo mondo, proprio mentre la sua impresa sta per sbarcare sui mercati americani. La Olivetti aveva aperto uno stabilimento a Pozzuoli, andando controcorrente, ed era diventata in breve tempo una delle aziende più competitive a livello europeo. Le sequenze successive ci riportano indietro nel tempo, quando Olivetti era solo un dodicenne che lavorava, come un normale operaio, nella fabbrica di famiglia, fino a prenderne le redini, dopo la seconda guerra mondiale e la scomparsa del padre. Comincia così a portare avanti un ambizioso progetto sociale che spaventa gli Stati Uniti, i quali in piena guerra fredda tengono sotto stretto controllo questo imprenditore che, attraverso le sue idee innovative e rivoluzionarie, voleva creare una società dell’uomo, anziché del denaro, per migliorare  l’Italia rendendola geniale. La fiction è coprodotta da Rai Fiction e da Casanova Multimedia ed è stata realizzata con la collaborazione di Telecom Italia, di Pirelli, con il sostegno della Film Commission Torino Piemonte e della Fondazione Adriano Olivetti. La miniserie, che è  stata prodotta da Luca Barbareschi, con un cast eccezionale ci ha fatto conoscere colui che, se solo le cose fossero andarte diversamente, avrebbe trasformato la sua impresa nella Apple dei nostri giorni; uno Steve Jobs italiano dunque che dovrebbe ispirare i giovani spronandoli a essere brillanti e soprattutto audaci.

m.i. 

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares