Libri: recensioni & interviste

Un giallo da “Ricetta Mortale”, l’ultimo libro di Perazzini

 

Giancarlo Perazzini
Giancarlo Perazzini

Dopo il successo di “Omicidio dell’Anima”, il libro da cui è nata l’associazione contro la violenza sulle donne “No vuol dire no”, Giancarlo Perazzini ritorna con un altro giallo “Ricetta Mortale” edito da “Il Ciliegio”. L’ottavo libro in sette anni che ne anticipa altri due in fase di pubblicazione “Le tre porte” e “Uno spirito per amico”. Da poco in libreria, quest’ultimo lavoro è un chiaro richiamo al suo primo lavoro:  Jan Mal d’Africa. “Patron… mon cher patron”… la frase entusiasmante che si legge nel testo è quasi un’esternazione dolorosa per dire ancora “non ho dimenticato, mi manchi, calda, misteriosa ed avvolgente Africa nera”. Un giallo che lascia col fiato sospeso fino all’ultimo rigo. Una storia avvincente che coniuga magistralmente la delicatezza e la raffinatezza dell’Italia e l’antica, quanto apparentemente lontana, cultura dell’Africa nera.  Guerrieri è “chiamato” a risolvere un delitto, fatto di scomode verità, in uno scenario di remoti sfarzi, tra vecchi libri, fastosi palazzi e principesche cascine cinquecentesche nel monumentale panorama storico culturale di un’Italia preunitaria.  Uno canovaccio che viene successivamente  “offuscato” dagli ancora vivi ricordi dei palmeti, la voracità alla difesa del territorio nell’innata indole dei “les diables”, gli inenarrabili tramonti, il caldo quanto cocente sole equatoriale e la viva memoria di una brutta esperienza tra le fauci di un mamba con il suo letale “sette passi”. E’ Perazzini che sovrasta e si impadronisce di Guerrieri, così come fa Marco Antonio con l’investigatore di Bagnone che si insinua a riflesso nella sua anima.

Un personaggio, quello di Guerrieri, che stupisce ancora una volta per la sua arguzia, per la sua determinazione, per il suo modo razionale di vedere le cose nella loro più limpida semplicità in un intreccio di situazioni  dove nulla è lasciato al caso; segno evidente di chi è abituato a leggere, con razionalità, la personalità dell’interlocutore e con fine intelligenza di chi porta con se un bagaglio di esperienze non comuni a tutti. E’ marcatamente evidente, in ogni rigo, in ogni capitolo; non si nasconde tra le righe così come di solito fanno la maggior parte degli scrittori. Perazzini preferisce essere palese: l’investigatore Guerrieri non è altro che la sua immagine rispecchiata. Nei suoi lavori, e soprattutto in Ricetta Mortale, è la sua autobiografia che non lascia spazio a fraintendimenti. Guerrieri avido prende tutto ciò che c’è dalla personalità prorompente  di Perazzini, senza scrupoli, senza riserve alcuna, perché ha bisogno della sua razionalità, della sua freddezza e soprattutto della sua disarmante consapevolezza di un carattere forte e determinato che non si arrende nemmeno nei momenti di particolare coinvolgimento quando si mette in discussione l’onorabilità dell’amico Andrea. Così come l’astuto investigatore trafuga l’esperienza lavorativa e il mal d’Africa dello scrittore, egli si appropria anche degli affetti più cari: le carezze ai figli, l’attaccamento alla famiglia, il valore dell’amicizia e l’ onestà intellettuale. Il giallo? Una trama accattivante, piena di colpi di scena che lascia sul filo del rasoio fino all’ultimo e, seppure, alcuni indizi vengono lanciati fin dall’inizio, l’epilogo e la soluzione del delitto disarma e affascina il lettore. A rendere unico il lavoro di Perazzini è la ricerca e dovizia dei particolari (e ve ne sono tanti nel libro), la finezza, delicatezza ed il gusto con cui vengono descritti alcuni momenti di vita quotidiana, tanto scontati quanto insoliti. Dall’arma del delitto, l’anello, alla presentazione di una ricetta, che mette a nudo il suo buon gusto. Ne descrive, minuziosamente, l’odore, il sapore e la genuinità della pietanza, quasi con l’entusiasmo di catturare il lettore nel rituale e nella contemplazione del cibo. Ed ancora. E’ scrupoloso interlocutore nel saper trasmettere la morbidezza con cui versa il vino a Mirella e Flavia, alla  determinazione e crudezza nel pretendere con forza le informazioni da Maurice che gli permetteranno di risolvere l’intrigato enigma.

Se Camilleri, così come ha più volte dichiarato, si immerge identificandosi nel suo Montalbano cercando di capirne i pensieri, le mosse, il valori, la sua forza quanto la sua debolezza, Perazzini viceversa modella il suo Guerrieri con la ricerca interiore del suo essere: Jan che ama il continente nero e che non ha mai dimenticato, Jan che ha tanta nostalgia dei raggi infuocati della savana, Jan che ricorda ancora chiaramente i colori, il calore ed il profumo di quella terra dove “il tempo non ha valore e non vi è certezza di nulla”.

close

Salve, sono Maria Ianniciello. Grazie per aver letto l'articolo. Se ti è piaciuto il sito e il pezzo, iscriviti alla mia newsletter settimanale. Riceverai ogni lunedi una mail con gli articoli e i nuovi episodi del podcast, contenuti inediti, buoni sconto su libri e tanto altro!

Commenti

commenti

Salve, mi chiamo Maria Ianniciello. Cultura & Culture è un blog indipendente. Redigere articoli ed editare podcast di qualità richiede tempo e concentrazione. DONA ORA affinché io possa creare contenuti migliori. Grazie mille!

Jenny Capozzi

Jenny Capozzi, nata a Petruro Irpino, incomincia la sua carriera giornalista con “Il Giornale di Napoli” di Benevento. Giornalista pubblicista, collabora con “Irpinia Oggi”, “IrpiniaArea”, “La Gazzetta di Avellino”, “Meta Sociale”, “Il Quotidiano di Benevento”, “Week End”, “La Provincia Sannita”. Nel 1996 contribuisce alla realizzazione di “Petruro Frammenti”, nel 1998 pubblica il testo storico “Petruro, chi parla diventa pietra”. Nell’ottobre del 2001 pubblica la raccolta di favole e fiabe dialettali del Sannio e dell’Irpinia “Saccio ‘nu cunto” edito da “La Scarana”, adottato come testo scolastico nella scuola media “Federico Torre di Benevento. Nel 2006 prende la direzione dell’opuscolo informativo“Benevento Night & Day”. Addetto stampa dell’Ugl, Confagricoltura, Consorzio degli Otto Comuni del Greco di Tufo, Pro Loco “Planca”. Nel dicembre del 2011 pubblica il testo storico “Il Sindaco Garibaldino – Angelo Troisi che finanziò la Spedizione dei Mille con tremilacinquecento ducati d’oro” con la casa editrice “Edizioni Il Papavero”. Nel 2012 partecipa Concorso Nazionale di Poesia “Le Radici Poetiche del Linguaggio Subalterno” edizioni “Il Papavero con la poesia ‘Na tempesta dindo a ‘nu surriso. Nel contempo consegue la specialistica in “Marketing Editoriale” corso di formazione promosso dall’Associazione “Cento Uomini d’acciaio”. Dal 2006 ad oggi è direttore responsabile de “l’Informazione” mensile di informazione amministrativa, approfondimenti storici e rilancio culturale edito dal Comune di Petruro Irpino e assume, altresì, funzioni, per incarico, da Promotore Culturale per l’Ente Comunale. Addetto alla comunicazione e socio fondatore dell’Associazione no profit “No vuol dire no” contro la violenza sulle donne.

Lascia un commento

shares