culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Libri: recensioni & interviste

IN LUCE D’AMBRA NULLA INIZIA E NULLA FINISCE

Maria Laura Ferrera

Incontro Maria Laura Ferrera a Grottaminarda (Avellino), poco prima della presentazione del suo romanzo d’esordio “Luce d’ambra”. Nonostante il caldo asfissiante, la discussione si fa subito coinvolgente; Maria Laura è una donna raffinata, pragmatica, intelligente  e con una notevole capacità di osservazione, acuita dai numerosi viaggi all’Estero, soprattutto in Canada, e dal suo lavoro ventennale in una multinazionale inglese.

«Con la scrittura mi sento a casa– racconta-. Scrivere mi cura, mi coccola, mi fa essere autentica, è una terapia per me». Nel romanzo Luce D’Ambra, edito da Il Papavero, la Ferrera racconta la storia di Ada, una donna di 40 anni, coniugata e con figli, che conduce una vita normale fino a quando non incontra un uomo dagli occhi magnetici su facebook. Uno strano impulso spinge la protagonista verso quell’uomo che le sconvolge l’esistenza. Ma le cose precipitano ancora di più nel momento in cui Ada compie un viaggio temporale nella Roma di 500 anni prima. «Nel libro ho descritto la Roma dell’Umanesimo e del Rinascimento ignota a molti ma che io conosco benissimo- spiega la Ferrera-. E proprio in quel contesto Ada grazie all’appoggio delle sue due migliore amiche, Diana e Fiammetta, riesce a sciogliere l’incantesimo creato secoli prima». Una storia affascinante, dunque, forse ancor di più perché scritta quasi di getto. «Non riuscivo a fermarmi- dichiara l’autrice romana-. Era come se anche io fossi vittima di una magia… mio marito mi vedeva stare ore e ore davanti al computer e non capiva cosa mi stesse accadendo. Era come se una forza esterna mi spingesse a narrare questa storia», afferma la Ferrera che ha presentato il suo romanzo a Philadelphia il 24 maggio 2012 riscuotendo un notevole successo tanto che si sta pensando di far tradurre il testo anche in lingua inglese. In Luce D’Ambra, dunque, tutto ritorna, nulla inizia e nulla finisce… ma tutto si ripete.


Per info sul libro: http://www.deastore.com/libro/luce-d-ambra-m-laura-ferrara-il-papavero/9788896847534.html


close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares