culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Libri: recensioni & interviste

Identità, Alterità, Intimità: quando l’Arte incontra la Tecnologia

Foto di backstage ©Livia Paola Di Chiara
Foto di backstage ©Livia Paola Di Chiara

Ad Aliano, in provincia di Matera, dal 29 al 31 agosto 2013, si è svolto il Festival La Luna e i Calanchi, una manifestazione sulla paesologia, ideata da Franco Arminio, che rientra in un progetto molto più ampio, volto a coniugare, nei luoghi in cui è vissuto Carlo Levi, Poesia, Arte e Ambiente. Nell’ambito del festival, l’artista irpina, Livia Paola Di Chiara, ha presentato I.A.I., un progetto innovativo, in cui Arte e Tecnologia si intrecciano. I.A.I. sta per Identità/Alterità/Intimità, le tre dimensioni dell’individuo dove l’identità definisce l’ordinario, l’alterità circoscrive la consuetudine e l’intimità apre allo scenario confidenziale e familiare. In particolare sono state fotografate tre donne irpine, in tre pose diverse, ma, per ammirare la terza immagine, l’utente deve effettuare la scansione del QR code attraverso un dispositivo.

«Ad Aliano il problema è sorto, ovviamente, nel momento in cui il fruitore non aveva con sé uno smartphone o un tablet- spiega Livia Paola Di Chiara-. Ma, se è vero che il limite ce l’ha chi lo riconosce, è altrettanto vero che questo limite ha aperto uno scenario inaspettato e sorprendente; la socializzazione tra le persone ha screditato un altro stereotipo, cioè che l’uso dei dispositivi ci renda più soli, asociali. Gente che non si conosceva ha socializzato per poter completare il trittico. La curiosità è stata più forte dell’inibizione». Per vedere la terza fotografia, il fruitore deve quindi disporre o scaricare una semplice app che legga i QR code, inquadrare il codice esposto e infine visionare l’immagine nascosta sul suo dispositivo.

©maria rosa comparato/clackphoto.com
©maria rosa comparato/clackphoto.com

L’artista irpina spiega che «la tecnologia è un mezzo che muta le sue classiche funzioni per diventare l’unico strumento che ci consente di accedere al privato». Il progetto, precisa Di Chiara, «è nato per caso… diciamo pure… per un’intuizione, osservando alcune persone di spalle. Casualmente l’occhio è caduto sulla precisione geometrica dell’acconciatura di una donna. Ho fatto quindi un percorso a ritroso, dalle mani che intrecciavano fino al gesto del “pettinare” e poi il resto è venuto da sé. Volevo fare luce su una sfera del privato». Quindi, il fulcro del lavoro è la pettinatura “a crocchia” e non le donne, le quali, afferma Livia Paola, «”nascondono” la loro docile bellezza intrecciandola con un’aurea di austerità che definisce un’identità “altra”».

I.A.I. è stato allestito presso Palazzo Scardaccione, una location suggestiva scelta quasi per rievocare un passato lontano che sta scomparendo ma che ci condizionerà per sempre. Perché noi siamo figli di quel Passato. L’acconciatura delle donne fotografate è, infatti, Storia, così come il Palazzo, dove le finestre aperte ci predispongono verso un mondo in divenire, una società che cambia…

 Per poter visionare il progetto clicca qui

m.i.

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares