Tutti uguali, tutti diversi

L’uguaglianza non è l’antitesi della diversità poiché si può essere uguali e allo stesso tempo diversi. Ma in che modo? Valorizzando le nostre peculiarità, senza rinnegare quelle altrui, abiurando così ogni genere di omologazione (di costume, culturale…), la quale purtroppo nuoce gravemente alla vera democrazia.
Sì, cari amici, perché se ci pensate bene…l’omologazione crea dei veri e propri cloni; chi si discosta dallo stereotipo – costruito ad arte – subisce emarginazioni ed umiliazioni.
La società odierna ci vuole belli, sani, forti poi se siamo anche intelligenti ben venga. Tutto ciò mette in secondo piano la nostra personalità che ci rende diversi, unici ed irripetibili nel mondo. Perché ognuno di noi è una stella del firmamento. I nostri pensieri, le nostre opinioni…i nostri sorrisi…le nostre capacità sono la luce di quella stella…

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Lascia un commento