Per i 50 anni dei Rolling Stones un film sulla loro storia

Crossfire_Hurricane_High-Res_700x1000Da qualche giorno è acquistabile e a fine mese uscirà anche nelle sale cinematografiche. “Crossfire Hurricane” è un film-documentario che racconta cinquant’anni di storia dei Rolling Stones, girato dal regista Brett Morgen e prodotto dallo stesso Mick Jagger.

Dopo la pubblicazione del volume “The Rolling Stones 50” e l’annuncio della ripresa, a partire da maggio, del tour pensato per questa memorabile ricorrenza, i cinquant’anni del gruppo inglese che ha fatto e continua a fare la storia del rock meritavano un altro progetto, ambizioso e originale nello stile: un film, disponibile in dvd e Blu-Ray, che racconta la storia della band attraverso le voci dei suoi stessi componenti.

Un racconto, quindi, della durata di circa 150 minuti e che grazie alla presenza di immagini, alcune inedite, e della narrazione fuori campo di Mick Jagger ma anche di Keith Richards, Charlie Watts e Ronnie Wood, focalizza l’attenzione soprattutto sui primi vent’anni dei Rolling Stones, quegli anni che hanno davvero fatto il mito delle “pietre rotolanti”. Poi, chiaramente, anche i restanti anni Ottanta, Novanta e l’ultimo decennio, anche se trattati dal regista Morgen con maggiore velocità.

Un viaggio, quindi, in una storia fatta di musica, concerti, eccessi e arresti, narrata con franchezza e senza giri di parole dagli stessi musicisti che ne sono stati i protagonisti. Non resta che acquistare il film o aspettare di vederlo nelle sale alla fine di aprile.

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Valentina Sala

Valentina Sala

Giornalista pubblicista. Tra i suoi campi di interesse soprattutto viaggi e cultura. Dopo una laurea di primo livello in Scienze della Comunicazione consegue la specialistica in Editoria con il massimo dei voti e con una tesi sul rapporto tra letterati e città, ricostruendo la Parigi di Émile Zola e la Vienna di Joseph Roth. Collabora con più giornali e riviste e affianca alla professione giornalistica quella di insegnante di Psicologia della Comunicazione. Tra le sue passioni i romanzi capaci di raccontare un luogo e un’epoca, i film di François Truffaut, il buon cibo, le città europee e, soprattutto, il viaggio inteso come modo per scoprire e confrontarsi con realtà diverse.

Lascia un commento