Non solo Cinema

La battaglia di Hacksaw Ridge: recensione della pellicola di Mel Gibson

Non serve sapere delle due statuette (per il miglior sonoro e per il miglior montaggio) e delle sei nominations agli Oscar per dare credibilità a un film come La battaglia di Hacksaw Ridge. Basta solo che cominci a guardarlo. La pellicola è uscita al cinema nel 2016 e andrà in onda domenica, 7 giugno 2020, su Rete 4. Ma scopriamo di più nella recensione senza spoiler, che segue.

La battaglia di Hacksaw Ridge: recensione 

La battaglia di Hacksaw Ridge è un film superbo e realistico, dalla sceneggiatura magistrale e dalle riprese che fanno un certo effetto sullo spettatore. Guardandolo ci si pone alcune domande sulla vita e sul significato delle guerre; credo che ogni pellicola dovrebbe indurre alla riflessione o, nel caso delle commedie, lasciare in chi osserva un misto di soddisfazione e buonumore. La battaglia di Hacksaw Ridge, ovviamente, non è una commedia, è un film drammatico con un forte strato subculturale che rimanda al genere bellico.

La battaglia di Hacksaw Ridge

Mel Gibson non sbaglia una battuta…

Mel Gibson non sbaglia una battuta. Mai. La sua regia è magistrale perché la macchina da presa s’insinua con una certa facilità e con estrema intelligenza tra le pieghe di una storia vera e singolare, il cui protagonista è un certo Desmond Doss che diviene un medico obiettore. L’ambientazione storica è quella della seconda guerra mondiale e il fronte giapponese era sicuramente tra i più duri, giacché il popolo nipponico non si arrendeva facilmente proprio per la profondità dei valori derivanti dalla tradizione samurai. Non è questo il punto, però.

Andrew Garfield: interpretazione magistrale

A Mel Gibson non interessa tanto il campo d’azione, che pure ha la sua importanza (infatti è ben definito), quanto l’individuo con le proprie fragilità e con la consapevolezza – acquisita a forza di errori e un lungo travaglio interiore – che senza la Fede in Qualcosa o in Qualcuno nulla è possibile. Si affida, dunque a un attore dalla faccia pulita e dall’aspetto quasi adolescenziale: Andrew Garfield non è un ‘belloccio’. Forse il regista voleva far presa non con la forma bensì con la sostanza. E qui di sostanza ce n’è!

Classe 1983, l’attore nell’ultimo periodo sembra si stia interessando all’aspetto mistico e religioso. Lo abbiamo, infatti, visto in Silence di Martin Scorsese, dove Andrew ha dimostrato di essere ormai giunto alla maturazione attoriale, eppure è ne La battaglia di Hacksaw Ridge che eccelle con lo sguardo penetrante e il passo deciso che ben contrasta con l’ossatura fragile; a dimostrazione che l’apparenza spesso inganna!

Il protagonista de La battaglia di Hacksaw Ridge? Un eroe alternativo

Il protagonista di questa storia è un eroe alternativo, che poco somiglia a Chris Kyle di American Sniper (2014). In verità lo stile di Clint Eastwood, rispetto a quello di Mel Gibson, è meno intimistico, anche se entrambi i registi – mediante una guerra – descrivono i loro personaggi e come sono considerati in patria. Le similitudini tra i cineasti statunitensi in realtà finiscono qui, perché Gibson si sofferma molto sulla crescita spirituale del protagonista del suo film; al contrario di Eastwood, regista laico e con propensione al nazionalismo.

Ma La battaglia di Hacksaw Ridge è pure un film autobiografico, con pentimenti e una forte propensione al sacrificio. Caratteristiche che rimandano alle vicende individuali del regista. Il lungometraggio si rivolge, inoltre, alla società contemporanea, perché Desmond Doss (il ragazzo è cresciuto con un padre alcolista che non riesce a superare i traumi della Grande Guerra) decide di arruolarsi nell’esercito americano senza mai imbracciare le armi e apportando il proprio contributo come medico, perché lui non vuole ‘spezzare’ le vite bensì salvarle.

All’inizio ridicolizzato e deriso dai soldati e dagli ufficiali (vediamo Vince Vaughn interpretare in modo convincente un ruolo drammatico), Doss con la Bibbia tra le mani diventa una sorta di eroe ‘alternativo’. Secondo Mel Gibson, in effetti, le guerre personali e collettive si possono vincere pure in modo pacifico, con estrema compassione e con Fede. La battaglia di Hacksaw Ridge, per questo, è un film commovente, unico e lungimirante. Maria Ianniciello (Articolo aggiornato il 5 giugno 2020)

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Giornalista culturale. Podcaster. Scrivo di cultura dal 2008. Mi sono laureata in Lettere (vecchio ordinamento) nel 2005, con il massimo dei voti, presso l'Università di Roma Tor Vergata, discutendo una tesi in Storia contemporanea sulla Guerra del Vietnam vista dalla stampa cattolica italiana. Ho lavorato in redazioni e uffici stampa dell'Irpinia e del Sannio. Nel 2008 ho creato il portale culturaeculture.it, dove tuttora mi occupo di libri, film, serie tv e documentari con uno sguardo attento alle pari opportunità e ai temi sociali. Nel 2010 ho pubblicato un romanzo giovanile (scritto quando avevo 16 anni) sulla guerra del Vietnam dal titolo 'Conflitti'. Amo la Psicologia (disciplina molto importante e utile per una recensionista di romanzi, film e serie tv). Ho studiato presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica il linguaggio del corpo mediante la Psicosomatica, diplomandomi nel 2018 in Naturopatia. Amo la natura, gli animali...le piante, la montagna, il mare. Cosa aggiungere? Sono sposata con Carmine e sono mamma del piccolo Emanuele

Commenta

shares