culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Natura

La Quinoa: le proprietà dello pseducereale usato dalla Nasa e da Michelle Obama

Oggi vi voglio parlare delle proprietà della Quinoa, uno pseudo cereale molto in voga in questo periodo. Entrata a pieno diritto nel menù della Nasa (anche di Michelle Obama) e ricavata da una pianta sacra alle popolazioni antiche del Sudamerica, in modo particolare agli Incas, che nei rituali religiosi solevano offrire i semi al dio sole in un vaso d’oro (scelta non casuale), la Quinoa – nonostante il suo aspetto piccolo e concentrato – ha una potente energia che rigenera il corpo cancellando la stanchezza. Ed è per questo che è adatta nei cambi di stagione.

La Quinoa ha molteplici proprietà ma ciò che più la caratterizza è il suo elevato contenuto proteico che tocca addirittura il 18 per cento; perciò può, secondo molte scuole di pensiero, sostituire una bistecca a differenza dei cereali veri e propri.

La Quinoa è inoltre molto ricca di fibre, minerali e acidi grassi quali i preziosi Omega 3 e 6. Ha più ferro degli spinaci e contrasta sia i cali di umori che gli attacchi di ansia. E’  particolarmente indicata per i diabetici e per le donne in menopausa perché ha la facoltà di mantenere sani i neuroni ma anche di controllare il colesterolo e la pressione arteriosa.

In commercio esistono diverse varianti di Quinoa: bianca – che è la più diffusa ed utilizzata -, nera e rossa. Io vi consiglio di acquistare la Quinoa Real che si contraddistingue per il classico colore giallo chiaro che ci ricorda il sole e la sua forza dirompente. Ovviamente comprate un prodotto biologico.

quinoa proprieta

Per quanto riguarda le ricette potete davvero sbizzarrirvi. Di recente l’ho cucinata con le lenticchie biologiche di provenienza italiana (che adoro) e la zucca coltivata nell’orto di mio padre. Ma voi potete optare per tantissime soluzioni, secondo i vostri gusti e le stagioni.

Nel momento in cui scrivo questo articolo siamo in autunno; quindi potete cucinarla con le verdure (la zucca e il radicchio in primis, soprattutto quello verde che è ricchissimo di ferro) anche perché la Quinoa ha tutti gli aminoacidi essenziali, di conseguenza non richiede abbinamenti con alimenti proteici sia vegetali che animali.

Un unico ed importante accorgimento: sciacquatela abbondantemente sotto acqua corrente usando un colino dai fori piccoli per eliminare il sapore amaro dato dalla saponina; poi cucinatela per assorbimento cioè facendola bollire in acqua fino a quando quest’ultima non si asciuga (la quantità di acqua deve essere il doppio del volume della Quinoa e va calcolata usando questa proporzione: 1 tazza di Quinoa e 2 di acqua). Buon appetito. (articolo della dott.ssa Maria Ianniciello, naturopata e giornalista pubblicista)

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares