Natura

Nutrizione olistica: prendersi cura di sé attraverso il cibo, ecco perché è così importante

Chi mi segue su Instagram sa che pubblico spesso fotografie di pietanze proponendovi ricette che poi divulgo per intero su Cultura & Culture, dove dedichiamo ampio spazio alla nutrizione grazie agli articoli sempre puntuali ed interessanti della dott.ssa Angela Pugliese, biologa nutrizionista.

Cosa c’entra la cucina e in modo particolare l’alimentazione con il mio lavoro di naturopata e giornalista? Io, oltre ad occuparmi di cultura (libri e cinema), dedico ampio spazio al settore del benessere. Da otto anni, a causa dell’acidità di stomaco, che per fortuna adesso è un lontano ricordo, presto particolare attenzione al cibo inteso come cultura e come interazione tra le persone dato che gli alimenti creano il nostro corpo e la nostra mente. Sono nello specifico la nostra fabbrica… il nostro motore.

Prendersi cura di sé significa scegliere un cibo di qualità e nutriente. Pratico dunque la nutrizione olistica. Il naturopata, se ha un’etica professionale, non invade il campo del nutrizionista, non prescrive diete né usa la bilancia o fa il calcolo delle calorie. Il naturopata insegna a ritrovare il giusto rapporto con il cibo operando sui tre aspetti dell’essere umano: la mente, le emozioni e gli istinti. E lo fa avvalendosi di più strumenti e discipline.

nutrizione olistica cibo

L’obiettivo della nutrizione olistica, dunque, è quello di aiutare il cliente ad acquisire una maggiore consapevolezza alimentare. Perché alcuni cibi ci fanno male? Quali sono le emozioni che associamo ad alcuni alimenti?

E poi si presta attenzione alla scelta delle materie prime – che devono essere di qualità -, alle etichette, al giusto abbinamento dei cibi e al metodo di cottura, affinché non si perdano le proprietà, soprattutto le vitamine, di un determinato alimento. Ogni cibo, inoltre, ha una sua carica vitale ed energetica. Il naturopata, quindi, va in profondità guidando il cliente verso il benessere che passa anche attraverso il cibo.

Su Instagram, dunque, continuerò a pubblicare fotografie di pietanze sane e gustose. Le ricette per intero saranno divulgate su Cultura & Culture. (articolo della dott.ssa Maria Ianniciello, naturopata e giornalista pubblicista. Seguila sul suo profilo Instagram: maria.ianniciello)

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Commenta

shares