culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Diari

La sindrome della mamma iperprotettiva

Mamma-con-bimbo-21Anna aveva un lavoro gratificante, una casa accogliente, pochi ma buoni amici, un corpo sinuoso e ancora giovane, nonostante avesse superato la quarantina da qualche anno, eppure sentiva che qualcosa non era andato per il verso giusto. Anna si era innamorata quando era quindicenne, perdendo la testa per il ragazzo che oggi era suo marito. Andrea, nonostante i suoi quarantacinque anni di età, era bello come un tempo ed era un professionista efficiente. Ma nella coppia non c’era più l’affiatamento dei primi anni di matrimonio. Anna aveva creato un rapporto esclusivo con i suoi figli, tralasciando quanto fosse importante per i bambini il ruolo del padre. Dopo la nascita del suo primogenito, la donna aveva completamente escluso dalla vita domestica Andrea, un tempo suo compagno di vita e di avventure, rendendolo sempre più nervoso e taciturno.

Quante donne si riconoscono in questa storia, con le dovute differenze? Sicuramente molte. Quando una donna diventa madre, spesso dimentica che al suo fianco c’è un’altra persona, che ha contribuito alla nascita di una nuova creatura, la quale non è proprietà dei genitori. Il bambino nasce libero e non deve essere concepito per compensare il bisogno d’affetto della mamma o del papà. E` un altro essere umano che viene al mondo. Quindi, i genitori hanno il dovere di guidare il piccolo, in maniera autorevole ma non autoritaria. Facile a dirsi, difficile a farsi, soprattutto perché l’ansia che possa succedere qualcosa al bambino prende il sopravvento in particolare nella mamma, la quale ha paura di delegare e dimentica che al suo fianco c’è un uomo, il cui ruolo è importante quanto il suo. La nascita di un figlio può destabilizzare la coppia, se questa non è pronta e matura ad affrontare la nuova sfida. Uno dei due compagni, di solito l’uomo, resta nell’ombra. Ora, non è mia intenzione aprire un processo alle mamme, tuttavia, e adesso mi rivolgo ai padri, la legge tutela o almeno dovrebbe tutelare il minore; basti pensare al caso della donna di Ferrara che aveva escluso l’ex marito, il quale non aveva potuto dare il proprio cognome al figlio, il cui sviluppo intellettivo era stato ritardato dalle eccessive attenzioni materne. La donna è stata processata per maltrattamento di minore. Un caso limite che purtroppo non è unico. La sindrome della mamma iperprotettiva è sempre più diffusa e purtroppo questa patologia, che certamente nasce da un bisogno d’amore o anche dal senso di colpa, crea problemi alla coppia e al bambino. Apriamo, dunque, un dibattito su questa tematica, che nei prossimi articoli certamente approfondiremo, in particolare attraverso pareri e consigli di esperti…

m.i.

 

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares