Senza categoria

The Nice Guys: trailer, recensione e trama

SEGUICI SU FACEBOOK. OGNI MERCOLEDI UNA DIRETTA

The Nice Guys: recensione e trama – The Nice Guys, con l’inedita coppia Ryan Gosling e Russell Crowe, diverte al punto giusto come sapevano fare sapientemente alcuni film degli anni Settanta e Ottanta, negli Stati Uniti come in Italia. E, difatti, la pellicola si colloca in quel sottogenere cinematografico conosciuto come Buddy Movie, un filone di successo con un plot vincente: l’amicizia tra due persone prima in contrasto e poi alleate per una causa comune. Mi viene da pensare ai vecchi lungometraggi di Stanlio e Ollio ma anche alle più recenti pellicole di Bud Spencer e Terence Hill. I due attori italiani riuscivano a far ridere mantenendo alto lo spessore di una comicità unica nel suo genere, mai demenziale, né volgare, e sicuramente ricca di sfumature, nonostante interpretassero tipologie umane già viste eppure uniche nelle rispettive personalità.

L’influsso di questo tipo di cinema è evidente in The Nice Guys che però è una sorta d’ibrido. Sia chiaro, il prodotto funziona, non annoia e sicuramente convince ma la sceneggiatura è un po’ confusa e non ha quel quid in più, nonostante i dialoghi avvincenti che sono il punto forte di questo prodotto. Il film, con i suoi toni paradossali, è una parodia della società contemporanea dominata da teorie complottiste, salvaguardia dell’ambiente e scarsa moralità. Convince del tutto la coppia formata da Ryan Gosling e Russell Crowe, entrambi a loro agio nei rispettivi ruoli. Gosling è un detective privato impacciato, che tra capitomboli ridicoli, bicchieri di liquore in eccesso e tante sberle ricevute sembra addirittura immortale. Crowe, con i chili in eccesso, è il più lungimirante dei due e riesce a stare al passo, mostrando una vena comica che non pensavamo possedesse. Entrambi sono ridicoli, un po’ fanfaroni, sicuramente bonaccioni e alla fine sanno qual è la cosa giusta da fare.

Jackson Healy (Ryan Gosling) e Holland March (Russell Crowe), infatti, stanno indagando sulla scomparsa di una ragazza di nome Amelia quando s’imbattono in una serie di omicidi legati forse dallo stesso movente. I due soci in affari sono seguiti a vista da una biondina dallo sguardo intelligente che riesce a indirizzarli. Si tratta della figlia adolescente di Healy, un personaggio che conferisce una certa dignità alla figura femminile sicuramente stereotipata in questa pellicola. La macchina da presa di Shane Black si muove nella Los Angeles degli anni Settanta che ricorda vagamente la Miami della nota serie televisiva. Nella città californiana tuttavia non esistono regole e il sistema è corrotto. Nel complesso The Nice Guys è un film reso gradevole dalla coppia che sul set ha trovato l’intesa perché l’uno è la sintesi e l’antitesi dell’altro tra pasticci, botte, smorfie e scambi di battute serrate. Di seguito il trailer.

 

close

Salve, sono Maria Ianniciello. Grazie per aver letto l'articolo. Se ti è piaciuto il sito e il pezzo, iscriviti alla mia newsletter settimanale. Riceverai ogni lunedi una mail con gli articoli e i nuovi episodi del podcast, contenuti inediti, buoni sconto su libri e tanto altro!

Commenti

commenti

Salve, mi chiamo Maria Ianniciello. Cultura & Culture è un blog indipendente. Redigere articoli ed editare podcast di qualità richiede tempo e concentrazione. DONA ORA affinché io possa creare contenuti migliori. Grazie mille!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione.

Lascia un commento

shares