Senza categoria

Risorto: trailer del film, recensione e trama

risorto-film-trailer-recensione-trama

 

Risorto: recensione e trama del film – Lucius guarda il tribuno Clavius e gli dice: «E` una strega, bruciamola». La presunta “strega” è Maria Maddalena, donna definita nel film che stiamo per esaminare «di facili costumi». Ed è tutta in queste parole l’inattendibilità non solo biblica ma anche storica di “Risorto”, la pellicola diretta da Kevin Reynolds. Innanzitutto la cosiddetta caccia alle streghe non era una pratica romana ma medievale; i Romani all’epoca di Gesù tolleravano le diverse confessioni dell’Impero, a patto che queste ultime non mettessero in discussione il potere dell’Imperatore. Come si evince dalla frase «date a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che di Dio», pronunciata da Gesù e ripetuta nella pellicola da Bartolomeo per convincere il tribuno Clavius – interpretato da un poco credibile Joseph Fiennes – dell’inoffensività per Roma di un messaggio tuttavia sconvolgente. Inoltre sappiamo che Maria di Magdala non era una prostituta e che fu Papa Gregorio Magno nel 591 ad associare la Maddalena alla peccatrice pentita descritta nei Vangeli. Tale accostamento fu rimesso in discussione durante il Concilio Vaticano II. Ora trarre spunto da fatti storici e biblici per costruire una storia del tutto inventata è una consuetudine hollywoodiana. Basti pensare al magistrale “Ben Hur” (1958), premiato con undici premi Oscar e inserito tra i cento miglior film della cinematografica mondiale. E, quindi, fin qui nulla di strano se non fosse per l’incapacità di scrivere una sceneggiatura verosimile, credibile.

“Risorto” è un film stucchevole e poco innovativo, nonostante la materia trattata. Ci si prefigge l’obiettivo di indagare sul muro portante del Cristianesimo, la Resurrezione, mediante il pragmatismo di Clavius, e poi ci si perde nei cunicoli del messaggio cristiano che può essere interiorizzato solo percorrendo le vie del Cuore in modo autentico, non forzato. L’impressione è che, attraverso le incognite e i travagli del protagonista, si voglia parlare all’uomo contemporaneo che con la sua troppa razionalità cerca la pace ma invano perché ha perso il contatto con i Misteri della vita.

risorto

Clavius – dopo aver visto morire il Nazareno – fa presidiare la tomba di Gesù su ordine di Ponzio Pilato per timore che i seguaci possano rubare il corpo di Cristo. Il prefetto in realtà subisce le pressioni del Sinedrio rappresentato da Caifa. I due soldati romani però si addormentano e, quando si svegliano, vedono una grande luce e la pietra del sepolcro aprirsi. I due terrorizzati scappano via. Pilato, sempre condizionato da Caifa, ordina a Clavius di trovare il cadavere di Gesù. Comincia così il viaggio del tribuno che conosce gli apostoli e vede il Cristo. “Risorto” è dunque un film che riflette sull’incapacità di credere senza vedere ma è anche un percorso di fede, tutto in salita, dell’uomo comune. Si tratta purtroppo di una pellicola riuscita a metà per quel mix di incompletezza, di inattendibilità, di già visto. Di seguito il trailer.

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento

shares