Senza categoria

Lino D’Angiò è al Teatro Totò: l’intervista

Intervista a Lino D’Angiò, in scena al Teatro Totò di Napoli con “Revolushow… Vota D’Angiò sindaco”
Lino D’Angiò è un artista poliedrico che fa ridere ma con gusto. Nei suoi spettacoli l’attore racconta Napoli. Lo fa naturalmente con una vena comica, che si tinge di sarcasmo, e imitando molti personaggi partenopei. D’Angiò ha sempre avuto l’ossessione per i sindaci, tanto che dopo il successo di “Da grande voglio fare il sindaco”, si propone come primo cittadino con una performance diversa dal solito, perché il trasformista napoletano scende in campo in prima persona. L’allestimento andrà in scena al Teatro Totò di Napoli dal 10 al 20 marzo 2016; si tratta di un vero e proprio comizio, che – come spiega il protagonista – farà riflettere. Già il titolo promette bene; lo spettacolo s’intitola, infatti, “Revolushow… Vota D’Angiò sindaco”. «Ho imitato molti politici campani, quali Bassolino, Iervolino, De Luca, De Magistris – dice a Cultura & Culture -. Ho avuto sempre una certa predilezione per i sindaci e, dopo tanti anni di imitazioni, posso ormai candidarmi come primo cittadino della mia città. Nell’arco di due ore dovrò convincere l’elettorato a votarmi; in particolare mediante monologhi e personalità note dovrò dimostrare di conoscere la materia “Napoli”».

lino-d-angio-teatro-toto-intervista

Quando gli chiediamo di definire la città con un aggettivo Lino D’Angiò dice: «Per me è “napolosa”, cioè più che favolosa, così magari divento anch’io famoso come Matteo (il bimbo noto per aver coniato il termine “petaloso”, ndr)». Poi aggiunge: «Napoli è talmente importante, che non si rende conto di quanto lo sia, un po’ per colpa dei cittadini che fanno sempre dei paragoni con altre località; credo che non ce ne sia bisogno. Abbiamo una storia e una cultura secolare e trovo assurdo questo complesso d’inferiorità – afferma -. E` pur vero che siamo prigionieri della nostra tradizione, come accade per il teatro classico, che è talmente imponente da nascondere tutto ciò che è moderno, come per esempio gli spettacoli di Mimmo Borrelli, drammaturgo noto in tutto il mondo che scrive in dialetto ma che a Napoli non conosciamo». E per quanto riguarda il “sorriso” Lino D’Angiò sostiene: «Non si può ridere dalla mattina alla sera; rischiamo di assuefarci, a volte è importante anche realizzare qualcosa di alternativo e da questo concetto nasce il titolo “Revolushow… Vota D’Angiò sindaco”. Oggi è difficile, nonostante i tanti mezzi che abbiamo, fare la rivoluzione, perché siamo schiavi dei social. Ognuno di noi dovrebbe essere un po’ sindaco vigilando sulla propria città e guardandosi dentro». Per altre info su “Revolushow… Vota D’Angiò sindaco” puoi telefonare il botteghino: 0815647525. Il Teatro Totò è in via Frediano Cavara, 12/e.

close
Iscrivendoti alla newsletter riceverai GRATIS l'ebook su come difendersi dalle fake news!

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Commenta

shares