culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Di tutto un po'

LE BUGIE FANNO MALE ALLA SALUTE

© olly Fotolia.com

Affermava Gianni Rodari: «Nel Paese della bugia, la verità è una malattia», riferendosi alle malefatte di una nazione dove si aveva e si ha una paura patologica della verità! Ma se vogliamo prendere alla lettera le sue parole, senza coglierne l’esatto significato metaforico, possiamo oggi affermare che a essere portatrice di malattia è solo la bugia. E scusate la rima! Sì, perché da uno studio recente è emerso che smettere di raccontare fandonie migliora la salute psicofisica. A scoprirlo l’Università  Notre Dame dell’Indiana che ha condotto uno studio su 110 individui tra i 18 ed i 71 anni, i quali ogni qualvolta che mentivano avevano più possibilità di ammalarsi.

Il risultato di questa ricerca potrebbe dunque riferirsi non solo alle menzogne individuali ma anche e soprattutto a quelle collettive. Perciò se il nostro Paese è malato è perché ancora non siamo stanchi di dire bugie. Attenzione quindi a quelle piccole trovate quotidiane che sembrano agevolarci ma in realtà ci danneggiano. Forse perché subentra comunque il senso di colpa che è risaputo quanto sia dannoso per il nostro organismo? Agli studiosi l’ardua sentenza…

Maria Ianniciello

 

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Lascia un commento

shares