Senza categoria

“Dracula Untold”? Un film che si occupa più dell’uomo che del vampiro

La recensione e la trama del film “Dracula Untold”, con Luke Evans

Dracula Untold trama

In Dracula Untold – il film diretto da Gary Shore, con Luke Evans nel ruolo del padre dei vampiri, e uscito al cinema il 30 ottobre scorso – le vicende storiche s’intrecciano con la leggenda in un mix originale e ricco di riflessioni sull’uomo e sulla società contemporanea. La fantasia diventa storia e viceversa in “Dracula Untold” che eccelle per la fotografia e per la sceneggiatura, scritta da Matt Sazama e Burk Sharpless. Nel film ci s’interroga sulla morte – che può essere sconfitta attraverso il sangue, simbolo della vita – sull’amore, sulla famiglia, sul rapporto padre e figlio. Ma soprattutto la pellicola di Gary Shore si occupa più dell’uomo che del vampiro, partendo da un quesito, al quale nessun cineasta aveva prima risposto in modo esaustivo. Il lungometraggio di Shore infatti parte da una domanda: chi era il conte Dracula prima di diventare un non morto che vive nelle tenebre, che ha soprattutto due punti deboli, l’argento e la luce del sole, e che si ciba di sangue umano? Dracula Untold recensioneE` un principe valoroso, dal cuore nobile, che, dopo essere stato fatto schiavo dal re dei Turchi, con i quali aveva acquisito la fama di impalatore, torna in Transilvania; il suo nome è Vlad III di Valacchia, un re vissuto nel 1400, realmente esistito ricordato come un sovrano sanguinario (le versioni sono diverse) che si battè contro i Turchi, impedendo così la loro avanzata in Europa. Il Dracula, targato Luke Evans, è affascinante e coraggioso. Il protagonista difende il suo popolo quando il sultano Mehmed Secondo (Dominic Cooper) decide di reclutare 1000 giovani per farne dei combattenti, tra questi c’è anche il figlio del principe. La storia che si ripete. Tutto torna, in corsi e ricorsi nella vita di Vlad, come nella scena finale che tanto ricorda un altro film, quel Dracula di Bram Stoker, diretto da Francis Ford Coppola.

Tornando alla trama, il principe, pieno di speranza, si reca in una caverna in cima alla montagna, dove vive un essere mostruoso (Charles Dance) che divora le sue vittime. Vlad, un po’ come Ulisse e altri personaggi mitologici, viaggia così nelle tenebre, nella foschia di una notte di luna piena, nei meandri misteriosi del Sé che tutto sa e tutto conosce. Lo fa senza paura perché la sua motivazione è grande. Deve salvare il suo popolo, la sua bellissima moglie Mirena (Sarah Gadon) e suo figlio dall’attacco ottomano e quindi scende a patti con il diavolo che, si sa, quando dà pretende sempre qualcosa in cambio, il cui prezzo è altissimo. Ed è proprio nella caverna che si svolge uno dei dialoghi più belli e illuminanti del film. Il demone dona a Vlad potere e forza che nessun uomo possiede, ma il principe dovrà resistere per tre giorni alla sete di sangue. All’alba del terzo giorno tornerà ad essere com’era prima e, chissà, magari avrà anche salvato il suo popolo.

Dracula Untold appassiona e coinvolge soprattutto per la sua originalità. Nel film nulla è lasciato al caso, dalla scelta del cast (ognuno a proprio agio nel suo ruolo) ai costumi e alle scenografie. L’immagine si tinge del blu di una notte misteriosa, con panoramiche spettacolari. I primi piani ben evidenziano lo stato d’animo del protagonista, come anche le riprese dei dettagli quando il corpo umano assume le sembianze di quel mostro, di cui – dice Dracula – a volte c’è tanto bisogno…

Ecco com’è nata la leggenda del conte Dracula

Il trailer di “Dracula Untold”:  http://youtu.be/0upZYG31JyY

Maria Ianniciello

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento

shares