Che cos’è la Comunicazione e perché è così importante, scoprilo qui

Che cos’è la comunicazione? Che cos’è l’assertività? Come si possono dire alcune cose senza essere fraintesi? Viviamo nell’epoca della comunicazione per antonomasia eppure mai come in questo periodo è così difficile esprimere veramente ciò che si è, perché si tende a voler esteriorizzare tutto e il troppo storpia sempre! Comunicare significa entrare in comunione con l’altro, creando empatia attraverso l’ascolto partecipativo e allargando lo sguardo. Mi capita di parlare spesso di altre culture per volgere l’attenzione verso tutto ciò che è ‘diverso’ da me e dalla mia cultura di base, che non significa migliore o peggiore. Ciò mi aiuta a comunicare con più assertività. Per far comprendere il proprio punto di vista, serve prima di tutto capacità di osservazione, entrando così in empatia (vuol dire sentire dentro affezione o sentimento) con l’altro. Non è facile, lo so! Ci vuole esercizio.

che cos'è la comunicazione

E allora che cos’è la comunicazione? Innanzitutto bisogna stare nel presente. Questo è un passo fondamentale. Poi occorre occuparsi delle tre dimensioni del nostro essere (mente, emozioni e istinti). Una volta, che abbiamo familiarizzato con ciò che siamo, la comunicazione diventa più empatica e l’assertività non è un miraggio. Questo non vuol dire che non avremo momenti di nervosismo o di rabbia ma, accogliendo le emozioni più istintive senza sottoporle alla lente d’ingrandimento del nostro giudizio e pregiudizio, gli attacchi di ira saranno sempre meno frequenti.

Se siamo troppo riservati, la nostra timidezza  non scomparirà mai del tutto (ed è un bene) ma saremo in grado di fare del nostro lato timido un punto di forza e non un limite, facendoci guidare dalla nostra reale natura. Tutto ciò che combattiamo si manifesta quattro volte tanto nella nostra vita. L’accoglienza di tutte le emozioni, anche quelle più viscerali, è la via per il benessere! Questo discorso vale per tutto: la guerra ha creato soltanto altra conflittualità! La Storia è Maestra di vita!

che cos'è la comunicazione

Cercare una mediazione, senza imporre il proprio punto di vista, è importante per creare una comunicazione efficace e fare dell’assertività la nostra alleata; per riuscirci serve tuttavia che rimaniamo nel presente. Non mi stancherò mai di sottolinearlo. Può succedere che a volte siamo troppo aggressivi; in altri momenti rinunciamo a comunicare per paura, per timore del giudizio, per timidezza eppure c’è un’innata saggezza dentro di noi che – se ascoltata e guardata – ci indica il percorso, più in linea con ciò che siamo, per vivere in sinergia con noi stessi, con gli altri, con la natura.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti
@Fotolia

Le piante ci insegnano molto. Pensate all’orto sinergico, nel quale – sembra – che più piante diverse, poste nello stesso pezzetto di terra, cooperino tra loro per non far attecchire parassiti nocivi. Si crea così una sinergia tra specie diverse che vivono in un piccolo ecosistema. Le piante comunicano tra loro in modo assertivo e perché allora non prendere esempio dalla natura? Vi propongo una clip del film Genio ribelle, credo che questo sia l’esempio più lampante di che cosa sia la comunicazione e del legame tra quest’ultima e l’assertività perché Robin Williams, nel ruolo di uno psicoterapeuta, non rinuncia ad esprimere ciò che pensa però lo fa usando il canale delle emozioni totalmente, senza riserva.

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Naturopata ad indirizzo psicosomatico. Aromaterapeuta. Diplomata in Naturopatia presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica. Lavora sia in gruppo che individualmente con consulenze naturopatiche e sedute di aromaterapia. Giornalista pubblicista. Scrive di benessere, aromaterapia, motivazione al femminile, LifeStyle. Ama la Cultura, in particolare il cinema. Lettrice vorace. Si è laureata in Lettere nel 2005 presso la Seconda Università di Roma con il massimo dei voti.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI