Venezia, Scarlett Johansson è un’aliena in Under the skin

Amos Gitai © la Biennale di Venezia - Foto ASAC
Amos Gitai © la Biennale di Venezia – Foto ASAC

Una giornata dedicata all’impatto dei corpi sugli schermi  quella della Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. Corpi che si uniscono, corpi che che si odiano, corpi che si scoprono, corpi che si proteggono. Se in “Still life” di Uberto Pasolini, in concorso per la sezione Orizzonti, il protagonista John May (Marsan) dedica la propria vita al corpo di persone defunte ma sprovviste di sepoltura e di parenti che se ne interessino, dando, così, un approccio etico all’interpretazione, in “Ana Arabia” di Amos Gitai, in competizione per Venezia 70, sono i frammenti di memorie di corpi a regnare sovrani. Il film, ispirato a storie vere, auspica il ripristino di un dialogo difficile tra specie umane in via d’estinzione in una zona di confine tutta Mediorientale. Mentre in “Via Castellana Bandiera” della Dante il confronto tra culture genera un abisso inespugnabile qui confluisce, invece, in una coesistenza pacifica.

Una scena tratta dal film "Moebius"
Una scena tratta dal film “Moebius” © la Biennale di Venezia – Foto ASAC

Ancora corpi in primo piano in “Moebius”, il film, fuori concorso, del maestro Kim Ki-duk che, scontratosi con la rigida censura coreana, trova invece un forte interesse, sia emotivo che sociale, nella stampa italiana. Il regista parte dai concetti sul sesso esistenti in Corea e li sviluppa portandoli alle conseguenze più estreme  senza mai fare riferimento alle parole bensì all’uso e all’evoluzione del corpo in una tragica vicenda familiare.

Scarlett Johansson © la Biennale di Venezia - Foto ASAC
Scarlett Johansson © la Biennale di Venezia – Foto ASAC

Grande successo per il ribelle Capitan Harlock e il suo fidato equipaggio che, nel reboot del manga originale di Leiji Matsumoto, girato da  Shinji Aramaki e intitolato “Harlock: Space Pirate”, trova l’incarnazione dei sogni di un uomo in lotta contro la deufradazione dei valori sui quali si fonda l’intera umanità. Del tutto astratto da ogni tipologia di etichettatura è “Under the skin”, il film di Jonathan Glazer che ha per protagonista una rinnovata Scarlett Johansson la quale, nei panni di un’aliena dalle fattezze umane, scopre il pianeta terra senza preconcetti. Una pellicola sui generis, a tratti destabilizzante che, a fatica, riesce a trovare una collocazione stabile.

Ancora un approccio corporeo, anzi carnale, allo schermo per “Ruin” l’opera di Michael Cody e Amiel Courtin-Wilson, sezione Orizzonti, girata interamente in Cambogia: il vulnerabile sentimento d’amore dei due protagonisti trova, infatti, un rifugio nei loro tessuti organici che faticano ad adattarsi ai pericoli di un mondo ormai amorfo.

 Raffaella Sbrescia

Commenti

commenti

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Autore dell'articolo: Raffaella Sbrescia

Raffaella Sbrescia
Raffaella Sbrescia è una giornalista iscritta all'ordine dei Giornalisti della Campania dal 2010 e blogger per il blog musicale "Ritratti di note". Dopo la laurea triennale in Lingue, culture e letterature dell'Europa e delle Americhe ha conseguito la laurea magistrale in Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea presso l'Università degli Studi di Napoli l'Orientale con il massimo dei voti. Da sempre interessata al mondo della musica, dell'antropologia, dei viaggi e della letteratura, per Cultura & Culture è responsabile della sezione eventi e spettacoli.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI