Cromoterapia: rosso, giallo e arancione. I colori d’autunno

Fino a poco tempo fa non amavo l’autunno perché era per me grigio e tetro, pieno di tristezza, in netta controtendenza con il fragore e il caldo dell’estate, la stagione che tuttora amo di più. Eppure da quando ho cominciato a studiare Naturopatia ho un approccio diverso e anche questo periodo assume un sapore nuovo che mi riporta alle radici e all’infanzia. Per apprezzare davvero l’autunno, infatti, bisogna coglierne tutte le sfumature.

Questa stagione è davvero ricca di simboli ed è magica come magica è la vita. Potremmo paragonarla all’età matura dell’essere umano che è il tempo della meditazione e della riflessione però non voglio soffermarmi su questo particolare aspetto; intendo piuttosto fare una panoramica dei colori d’autunno che se ci fate caso sono l’arancione, il rosso e il giallo.

cromoterapia rosso

Film indimenticabili, come L’attimo fuggente, Autumn in New York o anche C’è posta per te, ci mostrano come la natura dia il meglio di sé in fatto di colori proprio nei mesi che consideriamo erroneamente i più grigi (fine settembre, ottobre e novembre). Non solo il cinema ma anche l’arte e la letteratura celebrano l’autunno. Da Salvatore Quasimodo a Giosuè Carducci è tutto un rievocare sensazioni, sapori ed odori autunnali. Tutto ciò si apprende nei libri o al cinema, in realtà basta davvero poco per trarre il meglio da questa stagione. Che tu viva in città o in campagna i colori d’autunno sono alla tua portata.

Leggi l’intervista alla cromoterapeuta

Cromoterapia: rosso, arancione e giallo

Ti ho spiegato nel paragrafo precedente che i colori d’autunno sono il rosso, il giallo e l’arancione. La cromoterapia sfrutta i colori per creare benessere. Secondo questa disciplina, la percezione di un colore evoca una risposta sia a livello fisico che emotivo. Ogni colore ha un suo significato psicologico che ha un valore collettivo (inconscio collettivo teorizzato da Carl Gustav Jung) e simbolico.

Paradossalmente proprio nel momento in cui l’emozione dominante è la tristezza la natura ci dona tutta una serie di verdure e frutti dai colori vivaci che accendono il nostro spirito quali gli agrumi, l’uva, la melagrana, le carote, la zucca, i cachi, le pere e le mele, a cui si aggiungono gli ortaggi a foglia verde, come i cavoli e soprattutto i broccoli, senza dimenticare naturalmente altri frutti come le castagne e la preziosa frutta secca. Tutte queste specialità hanno in sé ciò di cui l’organismo ha bisogno in questo specifico periodo dell’anno e sono una delizia per gli occhi e per le emozioni.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Le foglie delle piante cambiano colore passando dal verde intenso estivo (colore dato dalla clorofilla) al rosso, all’arancione e al giallo. Il rosso è infatti eccitante per il sistema nervoso: è associato al sangue e alla vita. Questo colore contrasta l’apatia autunnale e viene impiegato in cromoterapia contro l’anemia, il raffreddore, la depressione, la stanchezza e dopo uno sforzo eccessivo. Rafforza il coraggio e ci dona vigore stimolando il sistema nervoso simpatico, gli organi riproduttivi e l’attività cardiaca. Sconsigliato invece in caso di ipertensione e febbre.

L’arancione dà energia ma non è eccitante quanto il rosso e agisce molto bene sui polmoni e sulle ghiandole endocrine. Stimola l’appetito e la digestione, rasserena e conferisce entusiasmo. Il giallo ci proietta verso l’esterno e verso il futuro perché è il colore del sole. Utile in caso di stitichezza, gonfiori addominali e problemi al fegato, purifica la pelle e stimola il sistema linfatico. Il verde, che in autunno è ancora acceso, riequilibra e in cromoterapia è una sorta di spartiacque tra i colori freddi e i colori caldi.

Insomma, quando uscite o state per vestirvi ricordatevi di quanto avete letto in questo articolo soprattutto se vi sentite demotivati e tristi proprio in autunno. (articolo della dottoressa Maria Ianniciello, naturopata e giornalista pubblicista)

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI