L’Artiglio del diavolo: le proprietà della pianta africana

Il suo nome botanico è Harpagophytum Procumbens. Lui o meglio lei è l’Artiglio del diavolo, un rimedio molto usato in Fitoterapia soprattutto nell’ultimo periodo. Si tratta di una pianta le cui proprietà sono conosciute sin dalla notte dei tempi grazie agli Iridoidi che si trovano nelle radici. L’Artiglio del diavolo ha la nomea di attutire i dolori articolari e reumatici ma anche i disturbi epatici, renali e della vescica. I Boscimani la usavano per curare le ferite e, infatti, le è riconosciuta una spiccata proprietà antinfiammatoria. Il suo nome potrebbe incutere un certo timore e invece deriva semplicemente dalla forma dei frutti legnosi muniti di uncini simili ad artigli. La fantasia popolare ha, dunque, fatto il resto!

 

L’Artiglio del diavolo sembra avere anche la capacità di attutire la glicemia alta, che pare abbassarsi soprattutto alle prime avvisaglie. Dona inoltre energia e vitalità ed è utile nel trattamento della gotta perché agisce come un antinfiammatorio. L’Artiglio del diavolo, che va usato con moderazione in caso di gastrite – può essere tuttavia usato in caso di digestione difficile, cioè quando lo stomaco ha difficoltà a produrre succhi gastrici. Questa pianta, che appartiene alla famiglia delle Pedaliacee, è ampiamente usata nella Medicina Tradizionale Africana, con ottimi risultati. Si trova in commercio in diverse formule, anche sotto forma di gel per praticare massaggi nelle zone interessate.

Maria Ianniciello, naturopata e direttore Cultura & Culture

Seguimi qui: https://www.facebook.com/maria.ianniciellonaturopatapubblicista/

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI