Viaggi e arte, a Roma la mostra Gran Kan*

mostra gnamViaggiare arricchisce la mente e lo spirito, rigenerando il corpo. Ma si può fare un viaggio anche attraverso una mostra, come quella che sarà inaugurata mercoledì 15 maggio a Roma, presso le sedi della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e della Real Academia de España en Roma. L’esposizione, a cura di Federica Forti – in collaborazione con qwatz (residenza per artisti a Roma), con il sostegno della Ambajada de España en Italia e dell’associazione culturale Ars Gratia Artis – propone un dialogo tra le sale ottocentesche della Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma e tre artisti contemporanei messi a confronto sul tema del viaggio. Gran Kan* (questo il titolo della mostra che con la parola Kan priva di “h” si riferisce alla citazione del testo “Le città invisibili” di Italo Calvino) trae spunto dal dialogo tra Marco Polo e Kublai Kan* e, mediante i racconti de Le città invisibili di Italo Calvino, mette in risalto le bellezze delle città di Roma, Venezia e Firenze, principali mete del Grand Tour, colte nelle soggettive visioni di tre artisti contemporanei. Nate da un progetto di residenza svolta proprio in questi tre luoghi, le tre opere (si tratta di tre video) di Chapela, Sala e Varela dialogano con i temi e le scelte stilistiche dei tre quadri di Cremona, Induno e Fragiacomo esposti nella collezione permanente del museo, realizzando una riflessione puntuale sul senso del viaggio culturale contemporaneo.

In particolare  la tela di Tranquillo Cremona, Marco Polo davanti al Gran Khan dei Tartari del 1863 (sala 6), dialoga con l’opera Fake! di Pelayo Varela in cui l’artista spagnolo riflette sulla comunità cinese che risiede nella periferia di Firenze. Pietro Fragiacomo con Squeri a san Baseggio del 1886 (sala 4) è associato a Venezia di Emilio Chapela, un lavoro dell’artista messicano sull’immagine di Venezia consumata in modo bulimico dal turismo di massa. Infine La Trasteverina uccisa da una bomba del 1850 di Gerolamo Induno (sala 5) viene associata al video Poetica de la fuga dello spagnolo Avelino Sala, una riflessione sulla guerra vista ora in chiave risorgimentale ora in chiave antifascista attraverso la città di Roma.

Federica Forti collabora con le principali testate di settore, come Exibart (dal 2009 al 2011) e Artribune (dal 2011 ad oggi), con recensioni di rassegne e fiere d’arte italiane e internazionali. Dopo la laurea in Museologia presso l’Università di Lettere e Filosofia di Firenze nel 2006, approfondisce i suoi studi sull’arte spagnola e latino-americana presso la Universidad de Arte di Siviglia e nel 2009 consegue la specializzazione in Museologia. Attualmente lavora come curatrice tra Roma e Carrara.

qwatz è un programma di residenza nato per sostenere artisti e curatori nello sviluppo della loro ricerca durante un periodo di permanenza a Roma. Grazie ad una costante attività di networking, mette a disposizione risorse e competenze per fornire ai residenti un supporto scientifico, i contatti con una rete di professionisti italiani e internazionali legati alle loro aree d’interesse, una serie di studio visit mirati e degli appartamenti/studio dove vivere e lavorare, per creare allo stesso tempo progetti di mostre, ricerche, pubblicazioni e incontri per sviluppare idee e promuoverle in un circuito di istituzioni, musei, imprese e altre associazioni. http://www.qwatz.it/

Scheda della mostra 

15 maggio | 23 giugno 2013

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Opening mercoledì 15 maggio ore 17.00

Real Academia de España en Roma

15 | 23 maggio 2013

Opening mercoledì 15 maggio ore 21.00 Grafica e progetto di allestimento: Ars Gratia Artis

orari di apertura: martedì-domenica 8.30 -19.30 (la biglietteria chiude alle 18.45)

biglietteria: + 39 0632298221 www.gnam.beniculturali.it

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI