1 agosto 2012
Cinzia Regalbuto (2 articles)
Share

UNA CASSETTINA, MILLE SORRISI CON L’ASSOCIAZIONE MARIANA OPERE NEL MONDO

© Stanley Green - Fotolia.com

“Tutti i bambini del mondo meritano un’opportunità”: è lo slogan che da sempre accompagna l’Associazione Mariana Opere nel Mondo nell’aiutare le persone vittime della fame e del sottosviluppo. La Onlus Mariana nasce nel febbraio 2002 per volontà di alcuni imprenditori veneti convinti dell’importanza di restituire parte della fortuna che hanno ricevuto sotto forma di sostegno a coloro che nella vita sono stati meno fortunati.

L’associazione sostiene progetti ed iniziative in Africa, Asia, America Latina e Italia, fornendo assistenza sanitaria, accoglienza e istruzione scolastica a bambini ed adolescenti. Negli ultimi anni però ha posto un maggior accento  sulla diffusione dell’istruzione considerato il vero patrimonio per un futuro migliore, contribuendo alla costruzione di scuole.

Oltre alle adozioni a distanza e al 5Xmille, la raccolta fondi avviene tramite una simpatica cassettina trasparente, posizionata all’interno di esercizi pubblici in punti strategici dove la monetina scivola “quasi d’obbligo” (es.vicino ai registratori di cassa, in cambio del resto) ma con la volontà e il sorriso del cliente.

Numerose anche le aziende che hanno “adottato” la cassettina in zona reception, grazie ai volontari e simpatizzanti dell’Associazione. Per chi volesse saperne di più sulla Onlus Mariana può visitare il sito www.onlusmariana.org o mandare una mail all’indirizzo info@onlusmariana.org

 Cinzia Regalbuto

Cinzia Regalbuto

Cinzia Regalbuto

Cinzia, 37 anni, milanese, convivente da pochissimo e con un cane 16enne prossimo alla pensione. Attualmente impiegata nel mondo della tv (lavora in un'azienda leader nel service luci per spettacoli televisivi) ha sempre avuto la passione della scrittura fin dalle sue prime esperienze professionali in una piccola bottega editoriale al fianco di un noto giornalista. Volontaria AVO da 4 anni presso l'Ospedale San Raffaele di Milano, svolge il suo servizio in corsia affianco dei malati ogni sabato mattina con passione e dedizione perchè è convinta che, in questo mondo ostile e duro, c'è ancora posto per la solidarietà e l'umanità.

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.