The Reserve Grand Tour
26 marzo 2013
Maria Ianniciello (1292 articles)
Share

The Reserve Grand Tour

Valerio Rocco Orlando, Autoritratto nel Salone dei Ritratti alla Real Academia de España en Roma, 2012. Photo Sebastiano Luciano

Valerio Rocco Orlando, Autoritratto nel Salone dei Ritratti alla Real Academia de España en Roma, 2012. Photo Sebastiano Luciano

Il Grand Tour era un lungo viaggio intrapreso dai giovani aristocratici nell’Europa Continentale, con una meta finale che di solito era l’Italia. Questo itinerario formativo divenne una moda nel XVII secolo. Tra le città più ambite c’era Roma: il rampollo della casata poteva imparare la politica, la giurisprudenza, l’arte e la poesia nella città eterna, sogno a distanza di secoli di molti giovani degli anni Sessanta perché sinonimo di dolce vita. Partendo da questi concetti, è più facile capire il senso di The Reverse Grand Tour, un progetto ambizioso realizzato, lungo l’arco di un anno, dall’artista italiano Valerio Rocco Orlando, grazie a una residenza itinerante in alcune delle più prestigiose accademie straniere di Roma; un’esperienza mai avvenuta prima, concepita proprio per osservare dall’interno un sistema formativo e culturale unico al mondo e, allo stesso tempo, analizzare l’evoluzione e la natura del Grand Tour oggi, attraverso la relazione degli artisti stranieri con la città. Il frutto di questo percorso personale e umano è una mostra inaugurata presso la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma il 5 marzo 2013 e aperta al pubblico il giorno successivo. L’esposizione, che chiuderà i battenti il 28 aprile 2013, svela in anteprima assoluta i risultati della ricerca di Valerio Rocco e consiste in una videoinstallazione con i ritratti degli artisti stranieri che raccontano, come in una conversazione a più voci, il proprio punto di vista in prima persona (ognuno nella sua lingua nativa, con i sottotitoli in italiano), e una serie di fotografie con vedute degli interni degli studi, in cui viene rovesciato il concetto tradizionale di camera con vista. La scelta dei curatori, Ludovico Pratesi e Angelandreina Rorro, di presentare il lavoro di un artista della nuova generazione in relazione ad alcune opere storiche della collezione della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, legate al Grand Tour e agli autoritratti e ritratti degli artisti del XIX e XX secolo, pone la questione dell’attualità del concetto di accademia e, insieme, della relazione tra la capitale e gli artisti internazionali che la visitano e la vivono per tradizione ogni anno. In collaborazione con i servizi educativi della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea sono previste inoltre, per tutta la durata della mostra, una serie di “lezioni dal vivo” in cui Valerio Rocco Orlando incontra studenti e adulti per riflettere assieme sull’immaginario e sul ruolo dell’artista nella società di oggi.

 

Biografa dell’artista –  Valerio Rocco Orlando (Milano, 1978), dopo una laurea in drammaturgia all’Università Cattolica di Milano e un master in regia alla Queen Mary University di Londra, compone articolate installazioni, video, fotografie e libri che, in bilico tra dialogo corale e ritratto intimista, mettono in scena la relazione tra individuo e comunità, allo scopo di ripensare il senso di appartenenza nella società contemporanea.

Notizie aggiuntive – Orari: Martedì – Domenica dalle 9.30 alle 19.30 (la biglietteria chiude alle 18.45) Chiusura il Lunedi. Biglietteria: +39 06 32298221 www.gnam.beniculturali.it

 

Tags Arte
Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Direttore responsabile e coeditrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.