Lionel Messi, la vita della “pulce” raccontata da Guillem Balague

Lionel Messi libroTimido e riservato. Lionel Messi non ha le caratteristiche del leader e del buon comunicatore, ma quando scende in campo tutto cambia. Le sue giocate sono pura poesia… i suoi dribbling sono arte calcistica. E` veloce sul campo, tanto da essere l’incubo di qualsiasi difensore. Anche del più talentuoso. Stargli dietro e soprattutto togliergli il pallone dai piedi è un’impresa molto ardua. Non da poco. Cinque campionati vinti, tre Champions League, quattro palloni d’oro (il suo medagliere è molto più lungo), eppure la vita di Lionel non è stata sempre tutta rosa e fiori. Come ci racconta il giornalista sportivo spagnolo, Guillem Balague, in un libro che già dal titolo la dice lunga sul contenuto. “Pulce. La vita di Lionel Messi” (Piemme, euro 17.90) è un saggio di 736 pagine, nelle quali si ripercorrono le fasi salienti della biografia del talentuoso calciatore: dall’infanzia vissuta sui campi dell’Argentina al primo contratto con il Barcellona, firmato su un tovagliolo di carta; dai successi con la squadra catalana al nuovo obiettivo: alzare la coppa del Mondo con l’Argentina; traguardo importante, forse vitale per il giocatore che ha vinto però una battaglia ben più grande, quella con la malattia. Nato a Rosario, in terra argentina, nel 1987, Messi ha origini italiane e ha sofferto di uno squilibrio ormonale che gli ritardava la crescita. Il padre Jorge – che ha avuto il merito di aver visto da subito un grande potenziale in suo figlio – non si è mai scoraggiato ed è riuscito a farlo entrare in uno dei club più prestigiosi al mondo, il quale con lungimiranza ha investito su “la pulce”. Messi ha ripagato in breve tempo gli sforzi della società catalana, diventando il campione che conosciamo oggi. A Lionel un grande in bocca al lupo per il Mondiale in Brasile.

Maria Ianniciello

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI