La vera cura sei tu: il nuovo libro di Raffaele Morelli
30 novembre 2017
Maria Ianniciello (1230 articles)
Share

La vera cura sei tu: il nuovo libro di Raffaele Morelli

Tredici mosse per il benessere psichico. Tredici indicazioni per trovare la nostra autentica dimensione. In nuovo libro di Raffaele Morelli, La vera cura sei tu (Mondadori), è un viaggio affascinante ed avvincente nel pensiero antico, in modo particolare nel Taoismo. Secondo il noto psichiatra, facendo nostre le leggi del Tao, riusciamo a guarire da tutti quei disagi che ci incastrano. Non serve però conoscere la causa, è necessario comprendere il significato di un disagio attraverso le immagini psichiche. Cercare il vuoto, affidarsi allo sguardo silenzioso, lasciarsi curare dalla signora della notte, aspettare senza aspettative, vivere la trasformazione silenziosa sono solo alcuni dei suggerimenti che Raffaele Morelli dà al lettore in La vera cura sei tu.

La vera cura sei tu

Il dolore non si sfugge, il dolore si ascolta! E non serve migliorare, al contrario bisogna vivere distruggendo la storia e smettendo di rimuginare sui problemi. Riattivando l’energia primordiale e osservandoci per ciò che siamo, senza giudicarci, stiamo sicuramente meglio. «Ha uno scopo la mia vita? Ha un senso? Sto facendo quello per cui sono portato?»: queste le domande che – secondo Raffaele Morelli – dovremmo porci. Ma a casa servono i disagi e gli errori allora? Per il direttore dell’Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, in ogni situazione che riteniamo problematica c’è un’energia nascosta che sta nascendo. «Se la combattiamo, se la spieghiamo, finiamo per perderla. Se la accogliamo ci farà realizzare la nostra unicità: quello che non ci piace di noi è quasi sempre ciò che possediamo di più prezioso».

Per Jung (tutto il pensiero di Morelli ruota intorno alla Psicologia del Profondo di Carl Gustav Jung), le nevrosi del nostro tempo consistono nel non trovare senso e scopo nella vita. La terapia, di conseguenza, non è altro che un processo creativo. Il terapeuta non deve tanto curare quanto guidare il paziente nelle infinite e latenti possibilità creative. Raffaele Morelli  nel libro La vera cura sei tu riporta alcune lettere ed esperienze per regalarci un punto di vista alternativo in linea con le antiche tradizioni dei popoli, in particolare con la cultura Taoista. Da leggere senza pregiudizi!

Voto
4.5 out of 5

4.5

Good
4.5 out of 5
Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Direttore responsabile e coeditrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Presenta spettacoli vari (sfilate e concerti) e modera convegni. Su Cultura & Culture, oltre a occuparsi di libri, attualità e arte, è responsabile della sezione Cinema.

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.