A Roma una mostra dedicata a Niccolò Machiavelli

FOTO
dal sito www.comune.roma.it

Per omaggiare i 500 anni di “De Principatibus”, opera letteraria di Niccolò Machiavelli meglio conosciuta come “Il Principe”, il Vittoriano di Roma ospita una mostra interamente dedicata a questo scrittore, filosofo, storico e drammaturgo nato a Firenze in pieno Umanesimo, precisamente nella seconda metà del Quattrocento. Documenti, manoscritti, manufatti e opere d’arte compongono, infatti, l’esposizione “Il Principe di Niccolò Machiavelli e il suo tempo. 1513 – 2013”, visitabile sino al 16 di giugno.

La rassegna, promossa dall’Istituto della Enciclopedia Italiana fondata da Giovanni Treccani e Aspen Institute Italia, è curata dal Marco Pizzo, direttore del Museo del Risorgimento, e dal professore e collezionista Alessandro Campi e intende dare risalto all’importanza di un’opera che ha inciso nella storia culturale del nostro Paese.

Il percorso espositivo si articola in sei diverse sezioni, a partire da quella dedicata a “Machiavelli e il suo tempo”, nella quale si intende delineare il contesto storico di riferimento in cui è vissuto Machiavelli. Al centro degli oggetti esposti, quindi, una serie di materiali che ripercorrono i principali avvenimenti e protagonisti del periodo. In seguito si passa a “L’arte della Guerra”, sezione della mostra che offre un approfondimento in merito all’opera di Machiavelli “Dell’arte della Guerra”, scritta tra il 1516 e il 1520 e all’interno della quale si possono ripercorrere le convinzioni politico-militari dell’autore.

Spazio, poi, al momento centrale dell’intera esposizione, ossia quella dedicata proprio a “Il Principe”, celebre trattato di cui al Vittoriale vengono esposte le più importanti e prestigiose edizioni a stampa, tra cui uno dei diciannove codici manoscritti ancora esistenti al mondo e le prime copie a stampa del 1532 di Firenze e di Roma, pubblicate dopo la morte di Machiavelli.

Il percorso continua con la sezione dedicata a “Machiavelli e i classici”, in cui si affronta il tema del rapporto che lo scrittore ha avuto con i “classici”, e con quella intitolata “Fortuna e diffusione de Il Principe”, che mostra a studiosi e pubblico come il trattato machiavellico sia stato al centro di studi e analisi da parte di importanti intellettuali nel corso dei secoli successivi. Esposte, quindi, le copie del “Il Principe” di proprietà di personaggi celebri.

Il tutto si chiude, infine, con “Machiavelli e il nostro tempo: usi e abusi”, in cui è possibile visionare giochi da tavola, videogiochi, francobolli, cartoline e libri di marketing che traggono ispirazione dalla “filosofia” machiavellica, testimoniando come il pensatore politico sia stato, in realtà, un protagonista anche di ambiti diversi.

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Scheda tecnica della mostra:

fino al 16 giugno 2013

Complesso del Vittoriano, Salone Centrale (via San Pietro in Carcere)

orario: tutti i giorni dalle 9.30 alle 19.30

Ingresso libero

 

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Impaginazione, revisione, scrittura e pubblicazione sono a cura della redazione che decide cosa pubblicare e cosa non pubblicare, secondo la linea editoriale tracciata dal direttore! Sede operativa redazione: via Angelo Antonio Minichiello, 83035 Grottaminarda (Avellino) info@culturaeculture.it - Tel. 0825 426543

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI