3 dicembre 2012
Piera Vincenti (230 articles)
Share

MONTI E HOLLANDE: TAV INIZIATIVA PER LA CRESCITA

Un fermo immagine del vertice di Lione

Monti e Hollande hanno ribadito che la tav Torino-Lione si farà. E proprio Lione è stato il centro del vertice tra il premier italiano e il presidente francese, al termine del quale entrambi i leader si sono detti soddisfatti. La sintonia tra Italia e Francia ha riguardato anche altri cinque accordi siglati su cooperazione militare e di polizia, università, ricerca e trasporti, economia.

A tal proposito  Francia e Italia, si legge nella nota dai governi di Roma e Parigi «condividono una visione comune del futuro dell’Europa basata sulla crescita competitiva e sostenibile, il progresso sociale, la solidarietà e la democrazia. Sono decise ad attivare tutti gli strumenti in essere a favore della crescita a livello europeo e in quest’ambito chiedono una piena e completa attuazione del Patto per la crescita e l’occupazione che tenga conto, per gli investimenti, della qualità delle spesa pubblica. A questo proposito, vogliono continuare ad approfondire il mercato interno e sviluppare politiche comuni in campo sociale, energetico, spaziale e della difesa». Entrambi i Presidenti «auspicano un accordo sul bilancio europeo 2014-2020 all’inizio del 2013 fondato sugli obiettivi della crescita, la solidarietà e il controllo delle finanze pubbliche. In questo senso sostengono l’idea di un bilancio che consenta di finanziare le politiche comuni, aumentando al contempo le risorse destinate all’innovazione e alle infrastrutture». La Francia e l’Italia, si legge ancora, «ribadiscono l’irreversibilità dell’Euro e sono decise a preservarne l’integrità. La Francia e l’Italia desiderano conferire all’area Euro una nuova ambizione politica e democratica e s’impegnano a favore di un rafforzamento dell’unione economica e monetaria fondato sull’integrazione e la solidarietà tra gli Stati membri».

Si è discusso anche di politica estera e dell’accesso della Palestina allo status di Stato non membro osservatore delle Nazioni Unite. In merito a ciò, Hollande e Monti «sollecitano i Palestinesi e gli Israeliani a riprendere al più presto i negoziati per giungere a un accordo di pace equo e globale. In questa prospettiva auspicano un consolidamento del cessate il fuoco concluso tra i movimenti palestinesi di Gaza e Israele, e incitano entrambe le parti a evitare qualsiasi iniziativa unilaterale che potrebbe complicare la ripresa dei negoziati. Chiedono infine un ‘Mediterraneo dei progetti concreti’». I due leader, si legge ancora nella nota, «hanno infine preso atto della loro convergenza di vedute sulle principali questioni internazionali. Sostengono le legittime aspirazioni del popolo siriano e si rallegrano del pieno impegno dell’Unione Europea a favore della risoluzione della crisi in Mali».

A proposito della Tav, di cui si è discusso mentre a Lione era in corso una manifestazione di protesta, nel comunicato si legge: «La Francia e l’Italia confermano l’interesse strategico del progetto relativo al nuovo collegamento ferroviario fra Torino e Lione. Trattasi di un’infrastruttura prioritaria non soltanto per i due Paesi, ma per l’Unione Europea nel suo insieme. Francia e Italia hanno adottato una dichiarazione separata su questo tema. La Francia e l’Italia ribadiscono quanto sia per entrambe importante migliorare a breve termine la sicurezza nei trafori stradali transfrontalieri».

E proprio contro l’alta velocità è arrivata la dura replica di Legambiente: «Non possiamo fare altro che registrare la dimostrazione della mancanza di coraggio da parte del Governo italiano a Lione. Anche alla luce della crisi che stiamo attraversando sarebbe stato utile e ragionevole riconoscere l’inutilità della TAV e dirottarne i finanziamenti  sulla vera grande opera infrastrutturale necessaria al Paese e cioè sulla messa in sicurezza del territorio». Così il presidente nazionale dell’associazione, Vittorio Cogliati Dezza, ha commentato la dichiarazione congiunta di Monti e Hollande sul collegamento ferroviario Torino – Lione. «L’Italia ha i piedi d’argilla. Abbiamo urgente necessità di intervenire in tantissimi territori per  impedire che ogni pioggia si trasformi in tragedia – ha continuato Cogliati Dezza – , dobbiamo occuparci di sicurezza sismica e idrogeologica, eppure il premier Monti, accompagnato da ben 7 ministri, plaude alla conferma di realizzazione di un’opera progettata oltre 20 anni fa, che oggi non ha alcun senso».

Piera Vincenti

Piera Vincenti

Piera Vincenti

Piera Vincenti è giornalista e copywriter. Si occupa di comunicazione aziendale e pubblica e collabora alla realizzazione di siti web. Laureata in Sociologia, ha conseguito la laurea specialistica nel 2010 dopo aver ottenuto la laurea triennale in Scienze della Comunicazione.

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.