LA COSTITUZIONE? DEVE ESSERE CONOSCIUTA SIN DALL’INFANZIA

© al62 – Fotolia.com

Atti pubblici, per essere tali, devono essere facilmente controllabili dal cittadino, che deve disporre pure di uno sportello, pubblico e noto, al quale presentare richieste, proposte e suggerimenti, diverso, nella forma e nella sostanza, da ospitalità giornalistica e da manifestazioni pubbliche: res publica è, di principio e di diritto, di tutti e non di pochi e di addetti, che invece sono al servizio della comunità.

Dura lex sed lex vale soprattutto nelle democrazie, ove le leggi non sono imposte, ma votate almeno da maggioranza. Sovranità e parità vogliono leggi valide per tutti e rispettate da tutti e ritengono degni di massima attenzione tutti i casi che richiedono l’intervento dei tutori della normalità: illegalità, malavita organizzata, malcostume ed amoralità sono malattie gravi, che Magistratura e Forze dell’Ordine possono curare solo se, nota e certa la diagnosi, dispongono di sperimentata medicina. Guardie, alte o basse, si lascino ai pugili; maniere forti potrebbero essere abusi e maniere deboli potrebbero suscitare rilievi della Corte dei Conti; buon senso, misura, diritto e giustizia, enti astratti, regolino l’esistenza.

Insicurezza sul lavoro ed altrove, disoccupazione, ingiustizia sociale, lassismo, corruzione, evasione e tanto altro ancora scaturiscono da disinformazione, da deviata informazione, da cattivo consiglio e soprattutto da cattivo esempio: politica, associazione e vita fuori od in contrasto con la Costituzione sono fuori legge, vanno corrette e, se necessario, punite, come sta scritto nelle leggi vigenti, che quindi vanno rispettate o cambiate. Impensabili altri colpi di spugna, chiedono giustizia stragi e reati, ancora da chiarire, che hanno seminato morti e danni a singoli ed a comunità, per i quali le leggi non sono esercitazioni accademiche, ma disposizioni precise da non trascurare ed il diritto non è un bene culturale, inventato dai Latini, da esibire ai visitatori stranieri, ma la prima conquista dell’uomo, che, con essa, divenne cittadino, massimo titolo pareggiatore di ogni società veramente civile. L’accesso facile ad atti pubblici permette ai cittadini di esercitare il controllo democratico: la Costituzione, base di concordia, di progresso e di pace della comunità, deve essere conosciuta fin dai primi anni di vita.

Nunziante Minichiello

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Nunziante Minichiello

Nunziante Minichiello
"Distribuisco cultura, quella che mi ritrovo, e cose che servono. La cultura è gratis; le cose che servono costano, ma a volte costano meno che altrove. Nei miei voti è la buona fortuna di tutti quanti". Questo è il motto di Nunziante Minichiello che su Cultura e Culture firma la rubrica "Il Terrone che non ci sta", riflessioni sul Mezzogiorno e sull'Italia, in generale, gli editoriali e alcuni articoli di attualità.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI