il-piccolo-principe-trailer-film-trama-recensione

Il piccolo principe, trailer del film e recensione

Il piccolo principe, trailer del film, trama e recensione – C’è un passaggio de Il Piccolo Principe che rende bene l’idea di quale sia la metafora di vita alla base del capolavoro letterario di Antoine de Saint-Exupéry, pubblicato per la prima volta nel 1943, proprio in piena Seconda Guerra Mondiale. Il piccolo principe – che è giunto sulla Terra, dopo aver visitato tanti micro pianeti – cade nel deserto, dove incontra prima un serpente e poi un fiore, ai quali chiede informazioni sugli uomini. «Gli uomini? Ne esistono, credo, sei o sette. Li ho visti molti anni fa (…) il vento li respinge qua e là. Non hanno radici e questo li imbarazza molto», gli dice il fiore. Qualche pagina dopo la volpe, addomesticata, afferma: «Ecco il mio segreto, è molto semplice, non si vede bene che col cuore, l’essenziale è invisibile agli occhi. E` il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante. Gli uomini hanno dimenticato questa verità ma tu non la devi dimenticare, tu sei responsabile della tua rosa».

La versione cinematografica – uscita nelle sale il primo gennaio e liberamente ispirata al libro di de Saint-Exupéry – si concentra al contrario sulla storia di una bambina che vive in una città cupa e grigia, le cui giornate sono segnate da regole e da piani programmatici. La madre – decisa a farla studiare in una scuola prestigiosa – stila infatti un vero e proprio programma affinché la figlioletta diventi una adulta perfetta. Nel frattempo però la piccina perde la bellezza e l’autenticità dell’infanzia, perché nella sua vita predomina la logica con equazioni algebriche e allenamenti mattutini fino a quando non incontra un anziano aviatore, simbolo dei nonni di una volta, i quali tramandavano vicende iniziatiche con animali e piante parlanti. Nella prima fase l’uomo cerca di attirare l’attenzione della piccola e ci riesce facendole conoscere la storia de Il Piccolo Principe.

il-piccolo-principe-trailer-film-trama-recensione

Il film si concentra soprattutto su quest’aspetto. La fantasia non può essere accantonata per favorire un processo di produzione fine a se stesso, perché sono le favole, come quella de Il Piccolo Principe, che ci regalano emozioni vere. Ma il regista Mark Osborne, per far emergere questo concetto, dimentica l’essenza stessa di un’opera che ha fatto sognare milioni di bambini confondendo quanti forse non hanno mai letto il libro, perché le peripezie del piccolo principe restano in secondo piano. Questo è il demerito e al contempo il merito (scusateci per quest’antinomia, necessaria) di un cartone animato graficamente ben realizzato (le illustrazioni sono superlative) che demolisce la tendenza contemporanea a considerare il mondo fiabesco inutile. Così facendo però il lettore rischia di rimanere con i piedi ancorati a terra, nel tentativo (inutile) di comprendere una storia che però nel cartoon non ci è stata narrata fino in fondo.

Commenti

commenti

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI