Franny: trailer, recensione, trama del film
26 dicembre 2015
Maria Ianniciello (1195 articles)
Share

Franny: trailer, recensione, trama del film

franny

Franny è un film che non lascia il segno, nonostante la presenza di un grande attore quale Richard Gere che tuttavia fa la differenza. La pellicola, con la sua trama incentrata su alcuni momenti della vita di un filantropo, di cui si rivela ben poco, ha il grosso limite di non soddisfare del tutto la curiosità dello spettatore, il quale vorrebbe sapere ogni cosa del protagonista. Franny (questo il suo nome) si muove sulla scena come un burattinaio, mentre gli altri personaggi, anche se non sono proprio secondari, sembrano delle comparse che lui gestisce come burattini per alleviare le loro pene attraverso beni materiali guadagnati da chi li riceve però senza fatica e quindi non apprezzati mai fino in fondo. La fragilità di quest’uomo è tutta concentrata in un dolore acuto, che se vissuto e non soppresso può garantirgli una seconda rinascita.

Franny, però, rifiuta di farsi aiutare e, ingabbiato dai suoi stessi dolorosi ricordi, cerca un rimedio per l’infelicità con l’intento di non rivivere quel soffocante abbraccio che ha causato l’impatto, la morte, il nulla, la solitudine. E, quando arriva la seconda occasione, questo personaggio s’intromette così nella vita di un’altra giovane coppia, discendente della prima, a fin di bene per ricevere riconoscenza. Eppure l’amore, come ci insegna il Buddismo, non è possesso. L’amore non manipola ma contempla e non è geloso, né invidioso. Esso guarda e lascia andare, perché sa che ogni evento, anche il più doloroso, accade quando l’anima ha bisogno di vivere una specifica esperienza. L’amore è saggio, non giudizioso.

Franny-trailer-trama-recensione-film

Nel Qoelet si legge che tutto è vanità e di conseguenza ogni cosa scorre, passa, tramonta; pure la sofferenza più atroce. Al contrario Franny si lascia gestire dalle emozioni di un passato che è morto e già sepolto, peccato che il suo Ego non voglia accettarlo. Il film – diretto da Andrew Renzi – non convince appieno perché il protagonista sembra solo abbozzato; a questo si aggiungono alcune sequenze inutili che non solo rallentano il ritmo della pellicola, ma potrebbero annoiare e deviare la mente dello spettatore verso altri pensieri. Buona l’interpretazione di Dakota Fanning e di Theo James. E` inutile, inoltre, porre l’accento sull’ottima performance di Richard Gere, perfettamente in parte nei panni di un uomo eccentrico in cerca di luce e pace. Ecco il trailer del film.

Voto
3 out of 5

3

Average
3 out of 5
Maria Ianniciello

Maria Ianniciello

Direttore responsabile e coeditrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Presenta spettacoli vari (sfilate e concerti) e modera convegni. Su Cultura & Culture, oltre a occuparsi di libri, attualità e arte, è responsabile della sezione Cinema.

Commenti

Ancora nessun commento. Puoi essere il primo a commentare!

Scrivi un commento

Solo gli utenti registrati possono commentare.