“Dirty Dancing” dal film al teatro

 La recensione dello spettacolo “Dirty Dancing – The Classic Story On Stage”  allestito al Teatro Nazionale di Milano fino al 28 dicembre

dirty dancing teatro3Non è mai facile confrontarsi con un “mito” e per quanto possiamo portare avanti l’idea che ogni lavoro sia a sé, di fronte al musical “Dirty Dancing – The Classic Story On Stage” la mente va inevitabilmente al film del1987 diretto da Emile Ardolino – opera che diede particolare fama ai due protagonisti. Lei, Jennifer Grey (Frances “Baby” Houseman), pur avendo recitato tre anni prima in “Cotton Club” di Francis Ford Coppola, è stata consacrata da “Balli proibiti”; lui, Patrick Swayze è stato associato a Johnny Castle e a Sam Wheat di “Ghost” – chi non si ricorda la famosa scena in cui forgia un vaso con Demi Moore. Questi lungometraggi appartengono a quelle pellicole che accompagnano qualsiasi spettatore, anche il più cinefilo, ci sono fotogrammi che restano impressi nel nastro della memoria e non si ha età per sciogliersi di fronte al romanticismo di alcune storie.

I due protagonisti dello spettacolo teatrale
I due protagonisti dello spettacolo teatrale

Così com’è stato per “Ghost”, anche da “Dirty Dancing” è stato tratto un musical, anzi, sulla carta, quest’ultimo si prestava ancor più a questa trasformazione. “Dirty Dancing – The Classic Story On Stage” dal debutto assoluto nel 2004 in Australia, tappa dopo tappa, è diventato un fenomeno mondiale, approdando quest’anno anche in Italia e solo a Milano, al Barlacys Teatro Nazionale dal 9 ottobre al 28 dicembre, sotto la direzione artistica di Federico Bellone (anche produttore esecutivo). I nostri Baby e Johnny (Sara Santostasi e Gabrio Gentilini) riescono a trasmettere il graduale innamoramento e il rapporto allieva-insegnante a suon di danza, ma – lo diciamo a malincuore – emerge il punto debole della recitazione (lui più in parte di lei rispetto a questo aspetto). Questo elemento è quello che abbassa un po’ il livello dell’adattamento italiano, che segue fedelmente l’originale; infatti, l’autrice del film, Eleanor Bergstein, è l’ideatrice dello spettacolo. Ci sono, in alcuni momenti, delle pause troppo lunghe tra una battuta e l’altra e l’adattamento del libretto risente di un linguaggio che, a tratti, stona nonostante voglia rispecchiare termini dell’epoca. Un merito va ai cambi di scena fluidi e funzionali, con costumi (Jennifer Irwin) degni di nota. Lo starete intuendo, non si può dir nulla sulla “confezione” che coinvolge e ci fa catapultare nell’estate del ’63; a far da traino è la meravigliosa colonna sonora, composta da grandi successi come “Hungry eyes”, “Do you love me?” e l’indimenticabile “(I’ve had) The time of my life”, tra i brani interpretati dal vivo da Billy (Marco Stabile) – Elizabeth (Ilaria De Angelis) e dall’ensemble è quello che più tocca grazie anche alla coreografia e all’attesa della presa dell’angelo.

Il film
Il film

Mentre si assiste alla messa in scena (la regia associata è di Simone Leonardi, mentre quella originale è curata da Sarah Tipple), non di rado si ascolta il pubblico ripetere simultaneamente le battute e questo è il sintomo di come “Dirty Dancing” sia un classico che è nel cuore e nell’immaginario di ognuno. Possono esserci dei limiti che magari si attenueranno di replica in replica, ma resta un musical che può far muovere i piedi mentre assisti e farti venir voglia di ballare perché, come afferma la Bergstein, «dentro ognuno di noi si nasconde un ballerino».

 

Maria Lucia Tangorra

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Lucia Tangorra

Nata a Conversano (Ba) nel 1987, da alcuni anni si è trasferita a Milano per coltivare la passione per cinema, teatro e giornalismo col desiderio di farne un lavoro. Free-lance, critico e corrispondente dai festival per web magazine di cinema e teatro; ha realizzato anche reportage e approfondimenti di spettacoli tra cui “Invidiatemi come io ho invidiato voi” di T. Granata e “Un giorno torneranno” ideato e interpretato da S. Pernarella. Si è appassionata al cinema e al teatro vedendo recitare gli attori forgiati dal maestro Orazio Costa Giovangigli e da lì ha cercato di conoscere i diversi modi di fare e vivere il teatro e il cinema (senza assolutamente disdegnare alcuni lavori televisivi di qualità). Quando ha sentito sul palco queste parole: «Sai cosa vuol dire vivere in un sogno? Ciò che tu non sei, sei: e, ogni notte, lo frequenti» (dal testo teatrale “Orgia” di P. P. Pasolini) ha pensato che questo accade quando ci si immerge nel buio della scatola magica e della sala cinematografica. Grazie a questo lavoro fatto anche di incontri umani, non solo professionali, pensa che senza il teatro e il cinema il respiro sulla vita sarebbe diverso perciò, nonostante tutto e tutti, crede che di cultura e arte si possa vivere e che le passioni possano trasformarsi in una professione.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI