culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Non solo film

TRA SOGNO E REALTA`: IL DIAVOLO CUSTODE

RECENSIONE

Il diavolo custode arriva dal fondo della sala, coinvolgendo il pubblico e, come un folletto danzante, entra nella vita di Gustavo, un uomo dei giorni nostri che ha perso la stima e la fiducia della moglie e della figlia, troppo impegnate ad acquistare l’ultimo modello di scarpe firmate e l’iphone 5. Si rivolge al pubblico, chiede spiegazioni, perché lui è il diavolo e può unire universi paralleli: la finzione entra così nella realtà, annullando qualsiasi artificio scenico, tanto che a un certo punto, nel primo atto, sembra di guardare e ascoltare uno spettacolo di cabaret. Vincenzo Salemme nella sua ultima rappresentazione teatrale “Il diavolo custode”, in scena al Carlo Gesualdo di Avellino, ha riportato sul palco non solo il meglio del Teatro napoletano ma anche molti dei suoi personaggi, dal postino balbuziente all’uomo in camicia e pantaloncini, che si dichiara diversamente abile al cento per cento per avere la pensione di invalidità, con i divertenti fraintendimenti alla Totò. E, quando il sogno diventa realtà, l’uomo di Selemme entra in scena, trasformandosi di volta in volta in Babbo Natale in Astice al Veleno o in Diavolo custode, una presenza che dimora in ognuno di noi e di cui non possiamo aver paura, perché spesso ci fa conoscere la verità, quella con la V maiuscola. Quella che ci porta a scoprire la nostra vera essenza, facendoci commettere anche gesti inconsulti, come accade al povero Gustavo, commerciante che poco commercia perché le Banche stanno mettendo i sigilli al suo Bar. Lo spettacolo si conclude con un monologo di Salemme, il quale dopo aver compreso riflette sulla vita e sulle sfaccettature della società che subisce in maniera compulsiva lo scorrere del tempo, senza assaporare più le gioie della vita, come un pasto realmente goduto o una chiacchierata in famiglia. L’uomo moderno, che ha smesso di sognare e di credere che tutto è possibile, ha annullato la sua vera essenza, vive nella paura e non si meraviglia più di fronte al ciclo della nascita e della morte, portato avanti proprio dalle donne che – come afferma Gustavo – vengono dalla Terra.

Le scenografie, che si tingono di celeste e rosa con un orologio che ruota senza sosta per poi interrompere il suo ritmo all’improvviso, rendono appieno questi concetti, mentre Gustavo sparisce tra le fiamme dell’inferno che è dentro di noi…

SCHEDA SPETTACOLO

Anno 2012

Regia Vincenzo Salemme

Testo teatrale Vincenzo Salemme

Attori Vincenzo Salemme e in o.a.

Nicola Acunzo, Domenico Aria, Floriana De Martino, Andrea Di Maria, Antonio Guerriero, Raffaella Nocerino, Giovanni Ribò

Cast tecnico Scenografia: Alessandro Chiti

Costumi: Mariano Tufano

Disegno Luci: Umile Vainieri

Produzione Chi è di Scena Srl

Maria Ianniciello

 

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares