Non solo film

Parasite: recensione di un film da Oscar (senza spoiler)

Finalmente ho visto Parasite! E finalmente posso scrivere la mia recensione! Cosa si può aggiungere ancora su un film che ha fatto Storia vincendo ben quattro Premi Oscar. E attenzione! Non si tratta di riconoscimenti minori o tecnici, perché il regista sudcoreano si è aggiudicato il premio per il miglior film, per la miglior regia, per la migliore sceneggiatura originale e per il miglior film straniero. Inoltre, ha ottenuto anche un Golden Globe.

E allora, perché Parasite ha conquistato l’Academy tanto da abbattere il monopolio anglosassone ai Premi Oscar? Potrei trovare una giustificazione politica ma è fin troppo semplicistico. In verità, prima di vedere questo film, pensavo che i membri dell’Academy Awards si fossero sbagliati o avessero esagerato un po’. Adesso so che non è così.

Parasite recensione

Parasite: recensione e trama (podcast in calce)

Le cose diventano interessanti per lo spettatore quando Ki-woo viene assunto come insegnante privato di inglese da una famiglia benestante. Il ragazzo, con la complicità della sorella, falsifica i documenti e finge di essere diplomato. Sempre con l’inganno cerca, poi, di sistemare tutto il suo nucleo familiare per uscire dalla miseria e avere delle entrate fisse.Ma i piani sono fatti per essere scompaginati.

BONG Joon Ho costruisce una pellicola paradossale e al contempo autentica nella sua tragicomicità. Il plot si regge su una menzogna. A mentire è una famiglia di estrazione sociale bassa, che vive al di sotto del ciglio della strada, in un seminterrato, tra il solito ubriacone che fa la pipì e una puzza di fogne.

Padre, madre, figlio e figlia sono un po’ come gli accattoni di Pierpaolo Pasolini: si arrangiano alla meglio maniera e considerano la vita una recita. Secondo loro, i ruoli vanno interpretati bene se si vuole sbarcare il lunario!

Quindi, all’inizio li giudichiamo ritenendoli impostori perché «non si può essere tanto disonesti». Poi, gradualmente le cose cambiano e le disparità sociali in una Corea del Sud – che teme una guerra nucleare scatenata dai cugini del Nord – vengono fuori nella loro drammaticità.

Parasite recensione

Parasite e l’arte del proferir menzogna

Mentono tutti in questo film: i ricchi, da buoni conformisti, si fingono ligi alle regole, mostrandosi senza macchia, ma poi si disinteressano di ciò che accade sotto il loro naso tranne che della puzza di metropolitana che tanto odiano e che noi spettatori non possiamo sentire ma solo immaginare. Di conseguenza, anche quando la parte bassa della città si allaga, i ricchi continuano la loro vita e organizzano feste di compleanno come se nulla fosse accaduto.

Dunque, in Parasite tutti recitano una parte ponendo sul vero volto (tramortito da emozioni primordiali) una maschera di cinismo di alleniana memoria.

Parasite recensione

Una commedia dark

Parasite è una commedia dark, grottesca per certi versi e sicuramente sconvolgente per come si sviluppa. Il regista agisce su più piani paralleli. Salite e discese dividono i quartieri benestanti dai bassifondi. Scopriamo così un mondo sconosciuto con divari sociali enormi ed insanabili.

Ci dicono, inoltre, che nelle case dei poveri non c’è spazio per la gentilezza, né per il senso di colpa che ogni tanto traspare, a dir il vero, sul volto crucciato del capofamiglia ‘povero’. I soldi – si sente a un certo punto – ti rendono gentili. La povertà ti rende al contrario cinico, spietato, bugiardo. E la ricchezza come ti rende?

BONG Joon Ho dà una risposta intelligente a questa domanda, girando un film che – pur raccontando una realtà locale – ha un contenuto e un valore universali.

Infatti, le contraddizioni che ritroviamo in questa pellicola sono le stesse che dividono il Sud dal Nord del mondo e ci annichiliscono tutti rendendoci a volte disumani nelle nostre spietate considerazioni su chi riteniamo ingiustamente diverso. Parasite ci invita, dunque, a riflettere su questo e molto altro ancora creando pathos e un senso di sconcerto che alla fine ci attanaglia tutti! (Marica Movie and Books)

Commenti

commenti

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube (Marica Movie and Books). Curo la rubrica Bimbi al cinema sul blog Ricomincio da quattro di Adriana Fusè.

Lascia un commento

shares