culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Non solo film

Il richiamo della foresta: trama e recensione

E’ stato piuttosto cauto Chris Sanders. Il suo nuovo film, Il richiamo della foresta, pur ispirandosi al famoso libro di Jack London, si allontana dalla versione romanzata, probabilmente per due motivi:

  1. Le violenze subite dal cane Buck sono troppo forti per un pubblico di bambini.
  2. Di aggressività ne è pieno il mondo.

Di conseguenza il regista e soprattutto lo sceneggiatore Michael Green, basandosi sul soggetto di London, hanno ideato una pellicola molto rassicurante che affronta tematiche salienti per il nostro tempo.

Hanno così creato nuovi personaggi e una storia che strizza l’occhio ai più noti dogs movie, per creare quell’alchimia tra un uomo e un cane che fa sempre una certa tenerezza.

Ne Il richiamo della foresta di veri padroni, però, non se ne vedono, perché Buck è un cane libero, con tanta energia.

Il richiamo della foresta trama

Il richiamo della foresta: trama e recensione (podcast in calce)

Nelle prime sequenze vediamo che Buck ne combina di tutti i colori (un po’ come il labrador Marley) nella sua abitazione californiana fino a quando non viene venduto diventando così – dopo una serie di peripezie e disavventure – un animale da slitta.

A guidare il branco sono il simpatico Perrault (Omar Sy) e la glaciale Mercedes (Karen Gillan). Ma, quando le cose sembrano andare per il verso giusto, Buck incontra Hal (Dan Stevens) e questa volta rischia la morte. Sul suo cammino compare John Thornton (Harrison Ford) che lo prende in custodia. I due cominciano così ad esplorare terre inesplorabili.

Buck sente quindi il richiamo del proprio istinto, che è stato soppresso e vilipeso per secoli da un addomesticamento forzato. Thornton ritrova invece una parte essenziale di sé.

Trovi il romanzo di London qui

La voce dell’istinto…

Il richiamo della foresta, con immagini mozzafiato, tra neve, cascate e dirupi, ci invita a riflettere su ciò che abbiamo perso, quando simbolicamente siamo usciti dal Paradiso terrestre, soggiogando le altre specie e distruggendo la natura. Abbiamo smarrito il nostro lato istintivo e sono state messe a tacere peculiarità tradizionalmente ritenute femminili come l’intuito e la creatività. La parte selvaggia, che ci accumuna agli animali, è stata sempre più soffocata, come sostiene Clarissa Pinkola Estés in Donne che corrono con i lupi.

Tuttavia ogni tanto rispuntava di qua e di là, nelle fiabe, sotto forma di strega e di divinità legate alla natura.

Il richiamo della foresta trama

Il richiamo della foresta è dunque un film di formazione. Ci insegna, difatti, che si cade e ci si rialza ma solo seguendo la voce dell’istinto. E poi c’è anche un’altra chiave di lettura che rende questa pellicola particolarmente interessante dal punto di vista narrativo. Nel lungometraggio si percepisce che la natura e, quindi, gli animali, come la nostra stessa vita, non ci appartengono. John Thornton lo capisce e quindi si affida al cane sapendo che non gli appartiene perché Buck è della foresta.

L’unica nota stonata è che il cane è stato realizzato a computer e quindi l’effetto artificioso – che è lampante – stona con tutto il contesto.

Il richiamo della foresta, tuttavia, nel complesso è un bel film, perfetto per i bambini e per una serata poco impegnativa, da trascorrere al cinema con gli amici! (Marica Movie and Books)

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares