culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Non solo film

I richiami d’amore di Elya

elya“Il mio canto è questo rock” è il titolo del secondo album di Elya, l’artista, trentenne, originario dell’Abruzzo. Prodotto dall’etichetta Music Force e Palco e scena, con distribuzione Self, questo lavoro nasce dalla passione autentica e genuina  di Elya per la musica ed è utile sottolineare che l’intero ricavato, ottenuto dalla distribuzione del disco, verrà devoluto alle Missioni Francescane del Burkina Faso in Africa. Arricchito da collaborazioni con professionisti di spessore come Toti Panzanelli, Alessandro Canini e Fabio Colella, l’album si compone di sei tracce intrise di sentimenti e buone intenzioni.

Il disco si apre sulle note di “Il Mio Canto è Questo Rock”: lo spassionato invito del cantautore al libero sentire del cuore. La carica emotiva è palpabile e diventa ancora più intensa nelle parole accorate de “La luna Ora lo sa”. Semplice, essenziale e diretto, il canto di Elya è lontanissimo da ogni tipologia di orpello  e si affida completamente alla capacità espressiva della sua voce e delle parole. Tutto l’album si sviluppa attorno a melodie tradizionali che, certo non innovano, ma non dispiacciono. Spazio alle riflessione con  “Ci Sei tu” ma il picco dell’intensità arriva con  “Incanata”. Il brano, che parte da una rivisitazione di un antico canto  della città dell’Aquila, è un richiamo d’amore, viscerale e totalizzante. Scritto a sei mani da Elya, Pignatelli e Ferroni, il testo è il manifesto dell’essenza musicale del disco. Voglia di immedesimazione e compartecipazione tra le note di “Capita anche a te” mentre l’album si chiude con l’originale rivisitazione di  “Quanto t’Amo”di Johnny Hallyday, scritta in italiano da Bruno Lauzi.

 Raffaella Sbrescia

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Raffaella Sbrescia

Raffaella Sbrescia è una giornalista iscritta all'ordine dei Giornalisti della Campania dal 2010 e blogger per il blog musicale "Ritratti di note". Dopo la laurea triennale in Lingue, culture e letterature dell'Europa e delle Americhe ha conseguito la laurea magistrale in Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea presso l'Università degli Studi di Napoli l'Orientale con il massimo dei voti. Da sempre interessata al mondo della musica, dell'antropologia, dei viaggi e della letteratura, per Cultura & Culture è responsabile della sezione eventi e spettacoli.

Leave a Reply

shares