culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Non solo film

Beata Ignoranza: recensione e trama del film in onda su Rai 1

Beata Ignoranza: riproponiamo la recensione che pubblicammo il 24 febbraio 2017. La pellicola andrà in onda su Rai 1, alle 21.2, questa sera (7 dicembre 2018). Ecco anche la trama e il trailer.

Beata Ignoranza offre diversi spunti di riflessione sulla società contemporanea e lo fa con i codici della commedia all’italiana, usando uno stile 2.0 e moderno. Alessandro Gassmann e Marco Giallini (i due attori protagonisti) però, sembrano – soprattutto nel primo tempo – ingabbiati nei rispettivi ruoli e la loro vena comica è impercettibile; in sintesi non si ricrea tra Gassmann e Giallini la stessa alchimia riscontrata in Se Dio Vuole (2015). La trama ruota intorno all’inimicizia venutasi a creare tra amici di vecchia data e si utilizza, quindi, il plot dello scontro verbale (ricordate Bud Spencer e Terence Hill?) per mettere in contraddizione due modi di percepire la vita con l’intento di dare un messaggio chiaro allo spettatore, così come avevano fatto diligentemente Margherita Buy e Sabrina Ferilli nel film Nemiche per la pelle.

L’ambiente principale in cui si sviluppano le gag di Beata Ignoranza è una scuola dove i due professori insegnano: Marco Giallini è Ernesto, un docente di Letteratura vecchio stampo che non si collega mai a Internet; mentre Alessandro Gassman è Filippo, un prof di matematica sui generis che ha preso la Laurea per ‘sbaglio’ e utilizza un’applicazione per risolvere le equazioni. Due mondi, dunque, che s’intrecciano e si scontrano per farci comprendere che il vero problema non è lo strumento, bensì l’uso che ne facciamo. Quando si diventa schiavi di gesti ripetitivi e ossessivi (come accade per esempio al protagonista di Don Jon2013), perdiamo il contatto con ciò che ci circonda e soprattutto dimentichiamo che esiste, oltre la rete, un mondo tangibile fatto di bellezza e semplicità. E allora anche una passeggiata sul Tevere diventa un modo per incontrare se stessi e quella realtà dimenticata. Ernesto e Filippo comprenderanno che qualsiasi estremizzazione è deleteria e l’occasione arriva da una figlia non voluta, non riconosciuta. La commedia incontra così il piccolo dramma e l’ignoranza, che qui diventa ‘beata’, è l’occasione per ricongiungersi con ciò che siamo realmente, giacché quello che s’ignora può essere appreso e in alcuni casi riappreso!

Beata Ignoranza

Beata Ignoranza, tuttavia, non ha la profondità (come potrebbe sembrare da questa recensione) di film quali Perfetti Sconosciuti (2016), che pure parla tra le righe di tecno-dipendenza ma solo per esaminare il tema dell’ipocrisia. Si tratta piuttosto di una pellicola scontata in alcune scene, che riaffronta concetti non nuovi per la settima arte ma necessari perché la smania di essere sempre connettessi e di condividere tutto ci fa spesso dimenticare i nostri veri interlocutori, che spesso sono anche i nostri cari, alienandoci e rendendoci schiavi della tecnologia o delle convinzioni come accade a Ernesto. Di seguito il trailer di Beata Ignoranza, diretto da Massimiliano Bruno. (Recensione di Maria Ianniciello)

close

Commenti

commenti

culturaeculture non ha banner pubblitari da maggio 2020 (quelli che vedi in qualche articolo sono antecedenti a questa data). Contiamo quindi sul tuo aiuto, per un cultura che pone al centro le persone e non i numeri! Tu non sei un numero. Qui condividiamo conoscenza in modo sostenibile ed etico per chi scrive e per te che leggi. Aiutaci a crescere!

Maria Ianniciello

Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Mi occupo di critica cinematografica, libri ed emancipazione femminile. Ho una laurea in Lettere (vecchio ordinamento), conseguita con il massimo dei voti nei tempi, e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline (ho diretto anche un magazine locale per due anni circa), curo dal 2008 www.culturaeculture.it, da me fondato. In culturaeculture.it dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per il mio lavoro (il giornalismo culturale intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità in tutte le sue sfaccettature. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione e formazione. Amo studiare e formarmi. Ah! Dimenticavo! Ho scritto un romanzo quando avevo sedici anni che ho pubblicato nel 2010.

Leave a Reply

shares