Intervista ad Andrea Nardinocchi: “Mi piace sperimentare”

Andrea Nardinocchi
Andrea Nardinocchi

Andrea Nardinocchi è uno degli artisti più promettenti della scena musicale italiana. Il suo primo lavoro discografico, intitolato “Il momento perfetto”, si è aggiudicato il premio di Miglior Album Emergente al Medimex 2013 a conferma del fatto che la tecnica compositiva e le capacità espressive di Andrea  sono in grado di incuriosire un pubblico in cerca di freschezza ed originalità.

Andrea, sei giovane, creativo, originale. E’ questo il tuo “momento perfetto”?

Di sicuro è il momento di lavorare, di fare musica e di concentrarmi su quello. Il momento che viviamo non è affatto perfetto, per nessuno. Ecco perché è meglio rimanere coi piedi ben saldi per terra.

Beatbox, loopstation, campionamenti vocali. Ci racconti la tua musica?

Faccio fatica a definire la mia musica, posso dire che parte da ascolti diversi, che ho lentamente inglobato, ed è venuta fuori abbastanza spontaneamente . Loopstation e campionamenti sono stati i mezzi più immediati che mi hanno consentito di comporre senza usare un vero e proprio strumento a ciò si è, poi, aggiunta la possibilità di scrivere, produrre, arrangiare, sperimentare; il risultato è un mix di istinto e spontaneità.

andrea 2Di cosa parla il brano “Persi insieme” e cosa intende comunicare?

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Questa canzone racchiude un incrocio di immagini, di cose, di sentimenti e descrive la relazione come un viaggio.

Che ricordo hai di Sanremo? Ci torneresti?

Il ricordo che conservo dell’esperienza sanremese è traumatico. Ci tornerei sicuramente ma solo quando mi sentirei davvero pronto  sotto tutti i punti di vista. Sanremo è davvero utilissimo ma rappresenta una dimensione fuori dalla realtà, ti sottopone ad un grande stress psicofisico e non è facile affrontare il tutto con il giusto distacco.

Che rapporto avete tu ed il tuo produttore Dargen D’Amico?

Dargen e Francesco Gaudesi sono stati i primi a non dirmi soltanto “bravo” e a darmi una pacca sulla spalla, hanno investito tempo e risorse per aiutarmi, sono molto importanti per me e gli sarò per sempre grato. Tra noi c’è amicizia, professionalità ed un reciproco scambio di opinioni.

Che tipo di live proponete tu e Dargen al pubblico nel “Double Billing tour” che vi vede insieme sul palco?

Non abbiamo una scaletta fissa, io apro il concerto e poi facciamo delle cose insieme, improvvisando molto. Per quanto riguarda me, in genere mi gestisco le cose in base alla serata. Certo, non ho una scelta vastissima ma mi diverto a sperimentare dal vivo.

Che idee hai in mente per il futuro?

Sto già lavorando ai brani che andranno a comporre il mio nuovo disco, non ho ancora le idee molto chiare ma il materiale c’è e ho tanta voglia di lavorarci su.

Raffaella Sbrescia

Video: “Persi insieme”

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Raffaella Sbrescia

Raffaella Sbrescia
Raffaella Sbrescia è una giornalista iscritta all'ordine dei Giornalisti della Campania dal 2010 e blogger per il blog musicale "Ritratti di note". Dopo la laurea triennale in Lingue, culture e letterature dell'Europa e delle Americhe ha conseguito la laurea magistrale in Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea presso l'Università degli Studi di Napoli l'Orientale con il massimo dei voti. Da sempre interessata al mondo della musica, dell'antropologia, dei viaggi e della letteratura, per Cultura & Culture è responsabile della sezione eventi e spettacoli.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI