Non solo film

Tutto pronto per il “Trasimeno Blues”

trasimeno blues Ornella Tiberi
@ Ornella Tiberi

Dopo il successo di Umbria Jazz ora è la volta del blues. Parte oggi, infatti, la undici giorni di concerti ed eventi raccolti nel ricco calendario di Trasimeno Blues 2013, la carovana musicale che da diciotto edizioni si tiene nei dintorni del Lago Trasimeno e che ha come obiettivo quello di promuovere il blues e le sue contaminazioni. Un festival, quindi, che fino al 28 di luglio porterà nei borghi medievali e in suggestive ambientazioni naturalistiche dell’Umbria quella che un tempo qualcuno chiamava “la musica del diavolo”. Un’occasione per ascoltare grandi interpreti del blues, il tutto unito alla vocazione interculturale del festival, negli anni diventato crocevia di culture e luogo di incontro e confronto per amanti della musica di qualità provenienti da tutto il mondo. Linguaggio comune, come si può intuire, quello del blues, che al Trasimeno Blues non mancherà di assumere varie sfaccettature, dalle sonorità più afro a quelle spiccatamente americane, dai ritmi di schiavitù a quelli degli africani liberi.

@ Ornella Tiberi
@ Ornella Tiberi

Un tour musicale, quindi, che passando per località della provincia di Perugia, di Castiglione del Lago, di Città della Pieve, di Magione, di Paciano, di Passignano sul Trasimeno e di Tuoro proporrà più anime della Black Music. Blues acustico, blues elettrico e d’avanguardia, Afro-Blues, Soul, Funk, Rock, Jazz, Afrobeat ed Hip Hop saranno, infatti, protagonisti sui 15 palcoscenici allestiti per questa edizione, sui quali si susseguiranno circa una trentina di performance. E poi ancora mostre, jam session, laboratori e molto altro.

I concerti – Particolare attenzione verrà quest’anno riservata al continente africano, vero protagonista della diciottesima edizione del festival. Una sorta di viaggio, quindi, che dal Mississippi raggiunge il territorio del Mali, in quell’Africa nera da cui sono nate le prime sonorità blues. Accanto alla mostra dal titolo “Regine ed eroine d’Africa”, grande spazio sarà infatti dedicato ad artisti provenienti da questo continente, tra cui un noto rappresentante dell’Afrobeat, ossia Ebo Taylor, e i Bagamojo, gruppo Afro-blues d’avanguardia.

@ Ornella Tiberi
@ Ornella Tiberi

A rendere omaggio al blues italiano ci penserà, poi, l’evento Italian Blues Legends (in programma per il 19 luglio presso la Rocca Medievale di Castiglione del Lago), durante il quale si esibiranno i più importanti esponenti di questo genere musicale nel nostro Paese. Tra di loro Fabio Treves, Roberto Ciotti, Paolo Bonfanti, Nick Becattini e Pippo Guarnera. Da segnalare, poi, il rhythm’n’blues, soul e funk di Charles Walker & The Dynamites e Justina Lee Brown con la Morblus Band; il blues classico di Chicago di Eric “Guitar” Davis con la Luca Giordano Band; il Blues delle radici di New Orleans di Veronica & The Red Wine Serenaders e, infine, il blues-hip hop degli Scarecrow.

Area-International Popular Group
Area-International Popular Group

L’evento – Accanto ai grandi del blues, occhi puntanti su quello che potremmo definire il “concerto-evento” dell’edizione 2013. Una serata che vedrà infatti esibirsi i leggendari Area-International Popular Group. A quarant’anni dall’uscita dello storico album “Arbeit macht frei”, gli Area tornano quindi sul palco e lo faranno questo sabato 20 luglio a Castiglione del Lago (alle 21.30 presso la Rocca medievale. Ingresso: 15 euro).

Per info: www.trasimenoblues.it

 

Commenti

commenti

Valentina Sala

Giornalista pubblicista. Tra i suoi campi di interesse soprattutto viaggi e cultura. Dopo una laurea di primo livello in Scienze della Comunicazione consegue la specialistica in Editoria con il massimo dei voti e con una tesi sul rapporto tra letterati e città, ricostruendo la Parigi di Émile Zola e la Vienna di Joseph Roth. Collabora con più giornali e riviste e affianca alla professione giornalistica quella di insegnante di Psicologia della Comunicazione. Tra le sue passioni i romanzi capaci di raccontare un luogo e un’epoca, i film di François Truffaut, il buon cibo, le città europee e, soprattutto, il viaggio inteso come modo per scoprire e confrontarsi con realtà diverse.

Lascia un commento

shares