Non solo Cinema

Pechino Express 2, lo specchio di un Paese di voyeurs

culturaeculture.it è un blog indipendente. Offrici un caffè. Grazie.

pechino-express-2013-al-via-67802_w1000Italiani: popolo di voyeurs. Nell’era del tweet selvaggio, la seconda edizione del reality show targato Rai, Pechino Express, trova spazio nei nelle menti e nei cuori italici. A condurre il gioco lungo le impervie vie del Vietnam, alla volta di Bankok, è l’ex concorrente Costantino della Gherardesca che, con le sue accattivanti battute al vetriolo, esalta gli aspetti più grotteschi dei malcapitati concorrenti.

A finire nel calderone mediatico personaggi di tutti i tipi: attori alla ribalta, emeriti sconosciuti, vecchie glorie, nobili decaduti, maggiordomi silenti, aspiranti starlettes ed il cosiddetto toy boy.

Il gioco, che intende sottoporre i concorrenti alle peggiori condizioni di vita possibili, con un budget di due euro a coppia, è suddiviso per tappe intermedie fino al raggiungimento di un traguardo finale  e intende far emergere le personalità più autentiche delle persone coinvolte. Così, tra una difficoltà e l’altra ci si azzuffa, ci si prende a male parole e ci si aggredisce a vicenda per la gioia degli italiani pecorecci. Sì, l’italiano medio si diverte nel guardare come una Corinne Clery prenda a schiaffoni il baby fidanzato Angelo Costabile, si diverte nel deridere il savoir faire con cui l’irriverente marchesa Daniela Del Secco D’Aragona si fa portare, a spalla, dal maggiordomo Gregory. È necessario soffermarsi su quest’ultima scena, davvero penosa, per dire che la macchietta dell’uomo di colore, schiavizzato per scherzo, non fa più ridere ormai da un pezzo e sarebbe bene inventarsi altro.

L’italiano amante della rissa mediatica, degli sgambetti reciproci, dei diverbi e degli infiniti arrivismi dovrebbe quindi evitare di cadere nella rete dell’intrattenimento facile perché da qui ai tentativi di emulazione è un attimo.

 Raffaella Sbrescia

close

RESTA AGGIORNATO!

ISCRIVITI GRATIS ALLA NEWSLETTER SETTIMANALE GRATUITA SUI LIBRI, SUI FILM, SULLE SERIE TV, SUI DOCUMENTARI

Non inviamo spam! Leggi la nostra Informativa sulla privacy per avere maggiori informazioni.

Commenti

commenti

Raffaella Sbrescia

Raffaella Sbrescia

Raffaella Sbrescia è una giornalista iscritta all'ordine dei Giornalisti della Campania dal 2010 e blogger per il blog musicale "Ritratti di note".
Dopo la laurea triennale in Lingue, culture e letterature dell'Europa e delle Americhe ha conseguito la laurea magistrale in Lingue e Comunicazione Interculturale in Area Euromediterranea presso l'Università degli Studi di Napoli l'Orientale con il massimo dei voti. Da sempre interessata al mondo della musica, dell'antropologia, dei viaggi e della letteratura, per Cultura & Culture è responsabile della sezione eventi e spettacoli.

Lascia un commento