Roberto Bolle sullo spot Eni «La Cultura? Energia dell’Italia»

Roberto Bolle spot Eni
Roberto Bolle spot Eni

 

Rethink Energy è la nuova campagna pubblicitaria di Eni presentata oggi nella splendida cornice del Teatro alla Scala di Milano. Protagonista del progetto della nota società è Roberto Bolle, ètoile internazionale che tutto il mondo ammira e ci invidia. Simbolo di eleganza, classe e talento, il celebre ballerino dà vita a una performance artistica unica nel suo genere in due diversi spot, da 30 e 60 secondi, che andranno in onda dal 6 aprile. Giochi di luce ed ombra, che valorizzano il movimento del corpo perfetto di Bolle, rendono il filmato un’opera d’arte grazie anche all’esperienza e alla sensibilità di Fabrizio Ferri, regista di fama internazionale, chiamato a dirigere il progetto. La voce narrante del Premio Oscar Toni Servillo è un valore aggiunto che accompagna con intensità ed emozione la danza elegante dell’artista. «Sono molto felice di aver cominciato questa nuova avventura con Eni – spiega Roberto Bolle –. Il risultato è straordinario. Un capolavoro, grazie al contributo dell’amico Fabrizio Ferri, che ho voluto coinvolgere fin dall’inizio perché ritengo sia un regista geniale. E sono contento di presentare la campagna pubblicitaria alla Scala, luogo per me magico e importante. Il mio cuore».

Roberto Bolle spot Eni
Roberto Bolle spot Eni

Il filmato mostra l’energia che si trasforma attraverso l’arte della danza. Corpo come strumento ed espressione di talento, che lo stesso Bolle utilizza per trasmettere emozioni e per dare vita a performance di straordinaria bellezza. Un fisico perfetto che si è trasformato nel tempo, dopo anni di duro lavoro e di sacrifici, come spiega lo stesso ètoile: «Sono arrivato alla Scala all’età di 11 anni. Ricordo che ero molto spaventato all’inizio. I miei genitori mi sono stati sempre accanto, sono il mio punto di riferimento. In quel periodo studiavo danza in una scuola privata. Non avrei mai pensato di superare l’audizione e di entrare nel tempio della cultura e della danza italiana e mondiale. Ho continuato per un po’ a studiare al liceo scientifico di Vercelli perché non volevo lasciare la famiglia e gli amici, poi però le cose sono cambiate e mi sono trasferito». Un artista a tutti gli effetti, un uomo sedotto dall’arte e dalla cultura, che si allena con determinazione almeno 10 ore al giorno per raggiungere alti livelli e migliorarsi, per quanto sia possibile, fino a toccare l’eccellenza internazionale. «Sono orgoglioso di aver cominciato questa collaborazione con Eni – prosegue Bolle – Il messaggio lanciato attraverso il filmato è quello di sostenere l’arte e la cultura, energia pura per accendere il motore del Paese. E’ importante valorizzare i talenti. Più che lo Stato, dovrebbero essere i soggetti privati a farlo. Non abbiamo eguali nel mondo. E solo investendo in arte e cultura potremo risorgere».

Roberto Bolle spot Eni
Roberto Bolle spot Eni

Parole importanti, quelle di Roberto Bolle, che accendono la voglia e la speranza di un cambiamento netto e repentino. Perché l’Italia, ricca di bellezze e di ricchezze che il passato le ha donato, ha il dovere di preservare il suo patrimonio artistico e valorizzare il talento delle nuove generazioni. Fondamentale, e non scontato, che tale spinta arrivi da uno dei simboli dell’eccellenza italiana: un artista che, con eleganza e passione, esprime se stesso e regala emozioni di uguale intensità sia sul palco dei più prestigiosi teatri di tutto il mondo, sia in questo nuovo spot pubblicitario che sarà trasmesso anche all’estero. Valorizzare l’Italia e l’italianità, dunque, un obiettivo che sta a cuore ad Eni ma soprattutto a Bolle: «Abbiamo la fortuna e il privilegio di avere nel nostro Paese grandissimi talenti e giovani davvero brillanti, che si sacrificano ogni giorno e che meritano maggiore sostegno e attenzione. Mi spiace che l’Expo, evento unico nel suo genere e vetrina importante per Milano e l’Italia, abbia previsto come ospiti d’onore personaggi e compagnie stranieri, come il Cirque du Soleil. Non condivido e non mi fa piacere tutto ciò. Diamo maggiore spazio agli artisti e all’arte italiana».

Silvia Marchetti

 

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Silvia Marchetti

Silvia Marchetti
Silvia Marchetti, nata a Mirandola (Modena) nel 1981, è giornalista pubblicista e web designer. Laureata in Scienze Politiche presso l’Università di Bologna, si occupa da anni di Cultura e Spettacoli, pubblicando articoli, recensioni e interviste relative al mondo del teatro, del cinema e, in particolare, della musica. Tra le sue passioni, la buona cucina, i concerti, la moda e Milano, città in cui ha deciso di vivere.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI