Quell’insano messaggio su facebook

facebook-ipad-38Oggi per il mondo Cattolico è la Domenica delle Palme. Il ramoscello d’ulivo che il cattolico dona al suo prossimo è simbolo di pace. Una parola troppo utilizzata, tanto da farne un abuso. La pace non è solo quella collettiva, cioè una sorta di armonia tra i popoli, tra le Nazioni, ma è soprattutto individuale. Perché non ci può essere pace, se nel nostro cuore c’è solitudine, disperazione, individualismo, invidia. Sensazioni che non ci mettono molto a trasformarsi in odio per l’altro, perché costui o costei ha qualcosa che io non ho.

Per uscire da sentimenti così debilitanti e controproducenti, bisogna fondare tutta la nostra vita su una solida autostima che non lascerà mai spazio a nessuna forma di gelosia e di rancore. Ci sono situazioni in cui poniamo una barriera tra noi e l’altro che diventa alta, tanto alta da essere invalicabile, perché abbiamo paura di essere giudicati e condannati. In realtà a condannarci è soltanto il nostro io. Avendo fiducia in noi stessi e nelle decisioni che prendiamo quotidianamente, tutte queste emozioni negative si volatilizzano come polvere e cominciamo a costruire un’esistenza sulle fondamenta della fiducia che ci farà raggiungere grandi traguardi mediante la sincerità; un valore che non va d’accordo con codardia, né con superficialità nei rapporti interpersonali, sia sul lavoro, sia nella vita privata. Molti sono i giovani purtroppo che – e non è un’accusa, ma è un’amara consapevolezza – pur considerando il lavoro come un bene prezioso, nei fatti agiscono come se esso fosse un gioco; quindi è usuale (mi raccontavano alcuni colleghi) che ragazzi alle prime armi si alzino la mattina e decidano di non svolgere il lavoro, magari lasciando un messaggio al datore su facebook. Proprio come in un gioco, senza tener conto della parola data, senza tener conto di nulla perché probabilmente quell’occupazione era stata sempre considerata come un passatempo quotidiano. Giusto per far qualcosa… per trascorrere il tempo, per fare qualcosa di diverso. Qualcuno mi raccontava addirittura che è diventato usuale lasciare il fidanzato o il compagno con un sms o peggio ancora con un semplice messaggio su facebook.

Un’insana abitudine che sta diventando una moda e che non ha nulla a che vedere con i valori sopra menzionati e tra questi c’è il rispetto della parola data, per la quale un tempo si facevano quasi “i salti mortali”. Ma questi sono insegnamenti che si acquisiscono in famiglia e a scuola e che non si possono apprendere, perché bisogna cambiare la struttura mentale di una società che predica la pace spaccando le vetrine o accanendosi contro il prossimo. Comunque ciascuno di noi, per usare una metafora presa dal mondo contadino, semina quello che raccoglie. Se seminiamo superficialità, non raccoglieremo altro che rapporti superficiali…

Maria Ianniciello

 

Commenti

commenti

Macrolibrarsi.it un circuito per lettori senza limiti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Naturopata ad indirizzo psicosomatico. Aromaterapeuta. Diplomata in Naturopatia presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica. Lavora sia in gruppo che individualmente con consulenze naturopatiche e sedute di aromaterapia. Giornalista pubblicista. Scrive di benessere, aromaterapia, motivazione al femminile, LifeStyle. Ama la Cultura, in particolare il cinema. Lettrice vorace. Si è laureata in Lettere nel 2005 presso la Seconda Università di Roma con il massimo dei voti.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI