LE PAROLE CHE IL PARTITO DEMOCRATICO NON CONOSCE

©Ansa/Ettore Ferrari - Enrico Letta in conferenza stampa
©Ansa/Ettore Ferrari – Enrico Letta in conferenza stampa ieri sera

Quanto è accaduto nelle ultime ore dovrebbe far riflettere l’opinione pubblica. In molti hanno accusato gli italiani di votare con la pancia, di essere istintivi e di non aver alcun senso critico. In realtà, bisogna andarci piano con queste affermazioni che sanno molto di qualunquismo. Gli italiani, come dimostra la storia, si sono lasciati convincere da chi sa comunicare, cioè da Beppe Grillo e da Silvio Berlusconi, i due vincitori di questa tornata elettorale. In tutti i tempi, dall’antica Grecia alla Prima Repubblica Italiana, l’oratoria era un’arte. Lo è sempre stata. Le parole, come dimostrano anche alcune ricerche scientifiche, formano le coscienze collettive. Il Partito Democratico non sa comunicare le proprie idee alle masse e, anziché – come hanno fatto gli altri Partiti Europei, nati sulle ceneri del vecchio Comunismo – adeguarsi ai tempi che cambiano continua a usare le stesse metodiche e modi di fare, senza interrogarsi su dove siamo e dove stiamo andando. Il problema del PD è che non si è mai confrontato con i suoi simili europei e continua a vivere nel ricordo di tempi lontani. Dovrebbe prima riformare se stesso e poi cercare di migliorare la struttura socioculturale di questo Paese che continua a voler vivere di rendita.

In tutti questi anni il Partito Democratico ha fatto dell’antiberlusconismo la sua ragione di vita e ritenendo che Berlusconi fosse morto e sepolto si è seduto sugli allori delle primarie, dimenticando che la campagna elettorale per le Politiche è tutt’altra cosa. Berlusconi sa come conquistare le masse perché adopera delle tecniche di comunicazione precise frutto di anni di studio, come fa del resto anche Grillo che proprio in questo momento in televisione dice ai giornalisti: «Attenzione alle parole che usate».

Maria Ianniciello

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Mi chiamo Maria Ianniciello (o meglio Maria Carmela Ianniciello). Carmela spesso lo perdo per strada. Ho una laurea in Lettere e sono giornalista dal 2007 (sono iscritta nell'elenco dei pubblicisti). Dopo una lunga gavetta giornalistica in televisioni e giornali irpini sia online che affline, curo dal 2008 il portale www.culturaeculture.it, da me fondato. In Cultura & Culture dal 2012 al 2018 ho coordinato redattori da ogni angolo d'Italia e mi sono occupata di cinema, libri, lifesyle, attulità e benessere. E` stata una grande esprienza umana e professionale. Poi una piccola pausa e la ripresa delle pubblicazioni il 19 agosto 2019. A gennaio 2016 mi sono iscritta alla Scuola di Naturopatia dell'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica diplomandomi nel dicembre 2018. Da aprile a giugno ho frequentato il Master in Psicosomatica sempre presso l'Istituto Riza. Nel frattempo ho avuto un bambino di nome Emanuele. Sono sposata con Carmine e amo la mia famiglia per la quale farei follie. Come farei follie per questo lavoro (il giornalismo intendo) che adoro. La Scuola di Naturopatia mi ha permesso di ritrovare me stessa, i miei tempi, la mia vita. Mi ha fatto scoprire il dono della maternità e della femminilità. Oggi sono una persona più completa e più equilibrata. Ma sempre in costante evoluzione. Oggi mi dedico come giornalista ai libri e al cinema in Cultura & Culture e sul mio canale YouTube Marica Movie and Books.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI