La memoria, ecco a cosa serve ricordare

Auschwitz - @Saforrest
Auschwitz – @Saforrest

Oggi ricorre il Giorno della Memoria e molte sono le iniziative che si sono svolte e si svolgeranno nei prossimi giorni in Italia per ricordare le vittime dell’Olocausto.

A tal proposito riflettevo proprio questa mattina sul senso del ricordare. Noi esseri umani abbiamo ragione, sentimenti e memoria. Una specie particolare la nostra; forse l’unica dotata di raziocinio (nessuno può dirlo, perché non viviamo in una favola di Fedro e quindi non parliamo con gli animali). L’uomo pensa e agisce, spesso proprio sotto l’impulso dei ricordi. E, quindi, riflettevo tra me: e, se l’uomo precipitasse nell’oblio senza fine, cosa accadrebbe al nostro pianeta?

Le cose peggiorerebbero per la Terra oppure forse, immemore anche delle atrocità commesse in passato, l’uomo ritornerebbe a essere come un bambino? Come Adamo ed Eva che nel Giardino Terrestre, prima di mangiare la mela, non conoscevano il peccato? Vista da questa prospettiva, la memoria ci peggiora, ma andando più a fondo nella questione mi sono resa conto che i ricordi servono non solo a proteggerci ma anche a farci evolvere. L’umanità è in cammino. Continuamente. Il pensiero cresce e si sviluppa di secolo in secolo, di millenni in millenni, proprio grazie alla memoria, tramandata attraverso le innumerevoli fonti storiche ai posteri. Senza il ricordo, ogni uomo sarebbe privo della sua identità. Non proverebbe alcuna emozione, e somiglierebbe a Gus, il protagonista del film “Ricordami ancora”, un uomo che ogni mattina non ricordava ciò che aveva fatto il giorno prima, oppure come Paige de “La memoria del cuore” che aveva dimenticato l’ultima parte del proprio vissuto e quindi anche il suo grande amore per Leo. Un pezzo d’identità perciò se ne va. Un’umanità priva di ricordi è destinata a estinguersi, ma un conto è tramandare ai posteri ciò che si è appreso e un altro è vivere perennemente nel passato, senza assaporare mai il momento presente. E` vitale per ciascuno di noi far tesoro dell’esperienza acquisita, lasciando però andare ciò che è stato, in modo da vivere bene ogni attimo della nostra esistenza per prepararci a un domani migliore. Ma bisogna sempre perfezionare ciò che di buono è stato costruito grazie a quei momenti di vita che comunemente noi chiamiamo errori, affinché essi non si ripetano mai più…

Maria Ianniciello

Commenti

commenti

Autore dell'articolo: Maria Ianniciello

Maria Ianniciello
Fondatrice di Cultura & Culture. Giornalista, iscritta all'Ordine dei giornalisti della Campania. Naturopata in formazione presso l'Istituto Riza. Laureata in lettere con il massimo dei voti (vecchio ordinamento) presso la Seconda Università di Roma, lavora a tempo pieno da diversi anni nel giornalismo. Ha lavorato con quotidiani e televisioni dell'Irpinia e del Sannio: Valtelesinanews, Buongiorno Irpinia, Telenostra e Ottopagine. Ha collaborato con Paolo Filippi per il programma "Cordialmente" e con Radio Sì di Bruxelles. Dal dicembre 2010 al dicembre 2011 ha diretto la rivista a vocazione territoriale XD Magazine, che esce nelle province di Avellino e Benevento. A dicembre 2010 è uscito il suo primo romanzo "Conflitti" Tra il 2012 e il 2013 escono i primi due quaderni della serie: Le interviste di Maria Ianniciello. Il direttore di Cultura & Culture intervista Aldo Masullo e il fratello di Salvo D'Acquisto, Alessandro. Da gennaio 2016 è naturopata in formazione presso l'Istituto Riza di Medicina Psicosomatica, presieduto da Raffaele Morelli. Su Cultura & Culture si occupa di benessere e naturopatia con un occhio sempre attento alla cultura. Pratica l'aromaterapia sia in gruppo che individualmente e fa consulti naturopatici.

Lascia un commento

 COPIA NEGLI APPUNTI